19 Novembre: Giornata internazionale dell’uomo

Oggi è la Giornata internazionale dell’uomo! Dal 1992 al 1995 celebrata il 7 febbraio, poi abrogata, poi ristabilita nel 1999 per iniziativa di… Trinidad e Tobago: a “resuscitarla”, il professor Jerome Teelucksingh, che scelse come data il giorno di nascita di suo padre.

In Italia è giunta solo dieci anni dopo, nel 2009, grazie all’avvocato Giorgio Ceccarelli, attivista per i diritti dei padri divorziati, come ricorda Wikipedia (in inglese).

Ovviamente la si cita solo per la cronaca, magari per dare agli appuntamenti del giorno un tocco di folklore o addirittura di politicamente corretto (“la fragilità del maschio”, ecc…), nonostante ci sarebbero tante cose da “celebrare”: per esempio, l’aspettativa di vita degli uomini nettamente più bassa di quella delle donne, statistica peraltro aggravata dalle morti sul lavoro (il 97% degli incidenti riguarda il “sesso forte”) o in guerra (qui si tocca quasi il 100% di caduti maschi). Quale orrore, il patriarcato!

I “sei pilastri” su cui si basa la ricorrenza sono (cito da vari siti, per esempio qui):

1. Esaltare i modelli maschili positivi: non solo divi del cinema, ma anche lavoratori e gente comune;

2. Celebrare il contributo positivo dato dagli uomini a livello comunitario, in famiglia, nelle relazioni e nella cura della prole;

3. Attirare l’attenzione sulla questione della salute dei maschi di tutte le età;

4. Stigmatizzare le discriminazioni subite dagli uomini, in particolare a causa delle aspettative sociali e degli stereotipi;
ù

5. Migliorare le relazioni di genere in tutto il mondo e promuovere l’uguaglianza di genere;

6. Creare un mondo più sicuro dove le persone possano sviluppare il loro pieno potenziale.

Manco a farlo apposta, nella stessa data le Nazioni Unite hanno stabilito nel 2001 un World Toilet Day, utile per sensibilizzare l’opinione pubblica mondiale sulle problematiche legate all’igiene, ma indirettamente anche a ricordarci che nella società odierna i maschi valgono meno dei cessi.

4 commenti su “19 Novembre: Giornata internazionale dell’uomo

  1. Verrà un tempo in cui gli uomini impazziranno, ed al vedere uno che non sia pazzo, gli si avventeranno contro dicendo: – Tu sei pazzo! a motivo della sua dissomiglianza da loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.