Alle cammelle

Nella cultura tradizionale somala, la felicità di un uomo ha un unico metro di misura: il numero di cammelli in suo possesso. Perciò i loro aedi non celebrano le virtù della femmina umana, ma della cammella.

In un’antologia della poesia somala, il grande linguista polacco Bogumil Andrzejewski (1922-1994), assieme alla moglie Sheila ha raccolto alcuni di questi canti pastorali.

Dedico questi versi a tutte le lettrici: buon 8 marzo!

Oh tu che mi doni
il dolce suono
del tuo bramito
Oh tu che così allegramente
fai risuonare
il tuo gorgogliante grugnito
è di te che io vo’ cantare!

Chi può tenere il passo
col tuo andare?
Oh silenziosa inseguitrice
dai piedi delicati
è di te che io vo’ cantare!

(Raage Ugaas, “Alle cammelle”; cfr. B.W. Andrzejewski – S. Andrzejewski, An Anthology of Somali Poetry, Indiana University Press, Bloomington, 1993, p. 7)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.