L’assaltatore della moschea in Nuova Zelanda visitò Israele nel 2016

GERUSALEMME (Reuters, 17 marzo 2019) – Il principale sospettato degli attacchi alla moschea neozelandese ha fatto una breve visita in Israele alla fine del 2016, hanno riferito oggi funzionari israeliani.
Brenton Tarrant, cittadino australiano, è entrato in Israele nell’ottobre 2016 con un visto turistico di tre mesi ed è rimasto per nove giorni, ha dichiarato alla Reuters un funzionario dell’Autorità per la popolazione e l’immigrazione israeliana.
Tarrant è il presunto perpetratore degli attacchi di venerdì nella città di Christchurch in cui 50 persone sono state uccise durante la peggiore sparatoria di massa in tempo di pace della Nuova Zelanda.
Il funzionario ha detto che non ci sono ulteriori dettagli disponibili su ciò che Tarrant, 28 anni, ha fatto durante il suo soggiorno in Israele. L’ambasciata australiana e il consolato neozelandese in Israele non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento.
Sempre alla fine del 2016, Tarrant è stato in Serbia, Montenegro, Bosnia ed Erzegovina e Croazia, dove ha visitato alcuni siti storici legate a celebri battaglie, prima di viaggiare nell’Europa occidentale nel 2017.
È tornato nei Balcani nel novembre 2018 per visitare siti storici di Bulgaria, Romania e Ungheria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.