Bill Gates collaborava con Jeffrey Epstein: dalla filantropia alla pedofilia?

Il defunto pedofilo miliardario Jeffrey Epstein ha collaborato con Bill Gates nella donazione di due milioni di dollari al MIT per progetti non specificati, fondi che il laboratorio di ricerca ha cercato di nascondere.

«Epstein sembrava fungere da intermediario tra il laboratorio del MIT ed altri magnati, sollecitando milioni di dollari in donazioni da parte di individui e organizzazioni, tra cui Bill Gates e l’investitore Leon Black», riferisce il New Yorker. «Secondo i dati da noi ottenuti, a Epstein è stato riconosciuto il merito di aver assicurato donazioni per almeno 7 milioni e mezzo di dollari, inclusi 2 milioni di dollari da Gates e 5 milioni e mezzo da Black, offerte che le e-mail descrivono come “suggerite” da Epstein o fatte per compiacerlo».

«Questo è un regalo da 2 milioni di dollari di Bill Gates ottenuto da Jeffrey Epstein», scriveva il direttore del MIT Media Lab Joi Ito in una e-mail di ottobre 2014. E l’ex coordinatore Peter Cohen replicava: «Nei resoconti non menzioneremo il nome di Epstein come “ispiratore” per questa donazione».

Il rapporto del New Yorker non specifica in dettaglio in quali progetti siano finiti i soldi, sebbene sia Gates che Epstein siano stati precedentemente coinvolti in iniziative riguardanti il transumanesimo e il controllo della popolazione.

La Bill and Melinda Gates Foundation ha finanziato numerosi programmi volti al controllo demografico nei paesi del Terzo Mondo, tra cui famigerati “programmi di pianificazione familiare” in Africa.

Bill Gates e il mito della sovrappopolazione

Epstein aveva precedentemente donato a Humanity+, un gruppo transumanista che promuove lo sviluppo dell’intelligenza artificiale e “mira a espandere le capacità umane per favorire le funzioni fisiologiche umane (?) e prolungare la durata della vita”.

Gates con altri miliardari ha anche partecipato a numerosi incontri di “controllo della popolazione”, nei quali ha discusso della necessità di frenare la sovrappopolazione (nonostante molti esperti ora ammettano che tutto l’allarmismo degli anni passati fosse una bufala).

Non è noto se Epstein abbia partecipato a questi incontri con Gates, anche se in effetti ha intrattenuto rapporti con Gates nel 2013 per discutere su come aumentare i propri investimenti “filantropici”. Gates ha anche volato sul famoso “Lolita Express” di Epstein per un viaggio a Palm Beach, in Florida. I registri di volo rivelano che l’imprenditore informatico (ora “filantropo”) ha volato con il miliardario dall’aeroporto di Teterboro nel New Jersey a Palm Beach il 1° marzo 2013. I portavoce di Gates smentiscono ogni accusa e negano qualsiasi legame tra i due.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.