Cento cose che vi sconcertano delle donne

Una serie di risposte a una domanda posta su un forum MGTOW. C’è di tutto, è un guazzabuglio maschilista a tratti demenziale e a tratti contraddittorio, lo so; del resto molte di queste cose si potrebbero dire degli uomini, come in effetti fanno regolarmente media, stampa, politici, attori, opinionisti eccetera. Delle donne solo bene. E allora lasciateci almeno lo ius murmurandi. PS: Non esiste un criterio di selezione delle risposte, se non per il fatto che Reddit le mette in ordine di “apprezzamento”; sono andato avanti a tradurre finché non sono arrivato a cento.

1) La loro spietatezza. Sono così superficiali e sciocche, ma quel poco di cervello che hanno lo usano per essere il più spietate possibile.

2) Come siano perlopiù orientate verso desideri primari, per esempio il sesso. Poche hanno dei veri passatempi. Conosco alcune ragazze che nelle loro biografie online inseriscono il “messaggiare” tra gli hobby.

3) Hanno bisogno del sesso più di noi, eppure ci accusano di essere “ossessionati” al riguardo: loro invece sono ossessionate dal loro ego e dallo status in generale.

4) La mentalità fatta con lo stampino: TUTTE amano le scarpe, TUTTE amano i ragazzi alti, TUTTE sono piene di sé. Certo, ci saranno delle eccezioni, ma finora non le ho incontrate.

5) Quanto la vita sia facile per loro. Ho avuto la conferma che il “gioco” fosse truccato quando ho scoperto che ogni ragazza appena sopra il 6 dal punto di vista estetico ha una infinita schiera di seguaci tra cavalier zerbenti e scopamici. Capisco perché siano così egocentriche: se avessi decine di ragazze che mi inviano ogni mattina messaggi come “Buongiorno bellissimo” anche il mio ego andrebbe alle stelle.

6) La loro ipocrisia e la capacità di trovare sempre un alibi o una scusa per le loro azioni. Puoi avere prove schiaccianti contro di esse ma reagiranno comunque allo stesso modo (l’ordine può variare): a) negare o mentre; b) incolpare qualcun’altro; c) piangere, ricorrere alla manipolazione emotiva; d) infuriarsi, usare argomentazioni fallaci o totalmente irrazionali. Sono esseri di pura emozione e zero logica.

7) Il fatto che molte di loro pensino sia assolutamente normale andare con un uomo per i soldi. Le disprezzo per questo.

8) Come riescano così velocemente a passare da una relazione all’altra.

9) Sono complicate, ma non sofisticate. Pensiamo, per esempio a certi pali del telefono nei paesi del Terzo mondo, quelli dove sembra che uno abbia legato ogni filo con l’altro e poi annodato il tutto in cima: è un lavoro complicato, ma è l’opposto di sofisticato. Una volta che mi sono resto conto di questo, ho smesso di provare a “capirle”, perché alla fin fine neanche le donne capiscono loro stesse.

10) Non hanno il senso dell’onore. Sto pensando alla loro capacità di sparire totalmente anche durante una relazione a lungo termine. La trovo una cosa ancora sconvolgente nonostante abbia superata i quarant’anni.

11) Principalmente il numero di bugie che raccontano. Sembra non provino alcuna vergogna. Negano fino al momento in cui salta fuori una prova schiacciante e allora fanno le vittime e incolpano il primo maschio a disposizione.

12) L’amoralità. La disonestà e la mancanza di onore derivano da essa.

13) Il fatto che siano assolutamente incapaci di gestire i soldi.

14) Sono quasi tutte completamente fuori di testa.

15) Che sono assolutamente consapevoli di ciò che fanno: il finto status di vittima/martire con cui si dipingono in ogni singolo evento della storia; i privilegi che ottengono fingendo di lottare per la parità di diritti; poter dare la colpa agli uomini per le cose di cui sono ugualmente responsabili; che pianifichino il modo per ottenere ogni vantaggio da un divorzio.

16) Mentono costantemente, a volte nel giro di una frase.

17) La sporcizia in cui vivono.

18) La calma con cui parlano dolcemente alla loro ignara metà al telefono mentre le loro tette gocciolano ancora di sudore e sperma di un altro uomo che hanno incontrato per la prima volta poche ore prima.

19) Non apprezzano mai niente. Indipendentemente da quanto tempo dedichi loro, quanti favori gli fai, quanti soldi gli dai, quanti consigli o addirittura imprese eclatanti che porteresti a termine per loro, non sentirai mai da una donna un “grazie” sincero.

20) Il modo in cui si trattano a vicenda. Il 90% degli insulti contro le donne proviene dalle donne stesse. E poi hanno il coraggio di dire che la misoginia parte dagli uomini.

21) La totale incapacità di ammettere che sono la causa dei loro problemi.

22) Come riescono a passare da amanti focose a estranee glaciali nel giro di una nottata, come se nulla fosse mai accaduto.

23) La cosa più frustrante è stata scoprire la loro vita sessuale, il cosiddetto “cazzosello” (la giostra dei cazzi). Quanto è facile per loro fare sesso rispetto agli uomini! Conosco una ragazza di 19 anni leggermente sopra la media che si è fatta una trentina tizi e ne è tutta orgogliosa (mi ha detto che letteralmente “gli lanciano addosso i cazzi”). Non sopporto anche il fatto che scoperebbero un belloccio al volo ma fanno aspettare un papabile fidanzato per settimane, per fargli credere che non siano “facili”.

24) Penso che a molti uomini siano stati spacciati sogni per realtà riguardo alle donne: le generazioni prima di noi ci dicevano che sarebbe bastato essere laboriosi e onesti per avere una ragazza. Ma ci facciamo il culo tutta la vita e per le donne non è mai abbastanza.

25) Beh, mia madre mi ha abbandonato a casa dei miei nonni quando avevo cinque anni, se n’è andata mentre dormivo (quando mi sono svegliato la prima domanda è stata “dov’è la mamma?”). A sei anni è venuta a trovarmi a Natale, le ho chiesto se sarebbe tornata, lei mi ha detto “sì” ma poi non l’ho più vista.

26) Quanto sono vuote. Tutti i loro interessi riguardano la sociability o il valore di mercato sessuale. Nessun desiderio di conoscenza, la volontà di imparare qualcosa solo se obbligate a farlo. È come se volessero essere pedine in un mondo standardizzato, per poi distinguersi solo in base all’attraenza.

27) La loro mancanza di principi morali basilari. Ho sempre pensato che la maggior parte delle persone fossero capaci di lealtà, coerenza ed empatia, ma non ho mai riscontrato queste caratteristiche nelle donne che ho incontrato (se non talvolta nei riguardi della prole).

28) Non puoi fidarti di una sola parola che esca dalle loro bocche: dimenticate tutti i “Ti amo”, “Voglio un figlio da te”, “Mi soddisfi come nessun altro”. Le donne lo pensano solo in quel momento. L’unica volta che restano fedeli alle loro promesse è quando gli conviene a qualsiasi livello.

29) Come riescono cancellarti dalle loro vite senza pietà. C’era questa ragazza, la prima e unica che sembrava diversa dalle alte: abbiamo trascorso momenti felici assieme, finché non ha dovuto lasciare il paese per motivi legali. Dopo alcune telefonate, è scomparsa e non ha più risposto nemmeno alle email. È diventata semplicemente un pezzo di ghiaccio nei miei confronti. Immagino sia stata quella la volta che ho perso qualsiasi fiducia nel genere femminile.

30) Sono stronze egocentriche. Se non hai nulla che interessa loro, non aspettarti l’amore. Se sei ricco, ti prosciugheranno il conto in banca mentre ti cornificano di nascosto e poi ti lasceranno per qualcuno di più ricco che hai presentato loro. Non riusciresti nemmeno ad accorgertene, sono eccezionali nel nascondere le tracce. Ogni “amore” che hai mai ricevuto da una donna, ogni forma di interesse è esclusivamente dovuta a qualcosa che interessava loro, in particolare dal punto di vista materiale.

31) Quanto sono infedeli, e per giunta per motivi infimi. Sono stato a letto con diverse donne sposate o fidanzate, tutte “insospettabili”. Sto parlando di brave ragazze cristiane che vanno in chiesa e che saresti orgoglioso di presentare a tua madre. Penso non sarò mai in grado di trovare una donna davvero fedele perché le loro menti sono così facilmente volubili, totalmente in balia delle sensazioni del momento. Si “distraggono” per qualche secondo e tutto quello che provavano per te un attimo prima evapora all’istante.

32) La mancanza di umanità. Comincio a capire l’approccio dell’Islam alla questione.

33) La loro incapacità di stringere amicizie forti e significative. Nonostante quanto mi hanno fatto credere da ragazzo, le donne in realtà non sono avvantaggiate dallo sviluppo rispetto agli uomini. La loro cosiddetta “maturità emotiva” è più debole di quella dei coetanei maschi. Per quanto riguarda la sessualità, i loro corpi iniziano a svilupparsi prima grazie alla risposta più rapida della ghiandola pituitaria. Tuttavia, non sono in grado di sfruttare questo vantaggio in termini di relazioni umane. Mancano di empatia; incapace di comprendere la sofferenza degli uomini, dei poveri, dei vecchi ecc. Sono codarde; mancano della sicurezza necessaria per approcciare gli uomini, assumersi la responsabilità dei propri errori, chiedere protezione agli altri. Sono anche disoneste, offrono una falsa immagine di se stesse agli altri.

34) Non capiscono realmente cosa voglia dire far parte di una squadra. Non capiranno mai la “fratellanza” che si forma tra gli uomini. Non conosceranno mai il cameratismo. Questo è quando avevano intuito gli antichi greci, che giustamente posero l’amicizia tra uomini sopra il matrimonio. Le donne sono esseri menomati dal punto di vista sociale poiché non si elevano mai oltre la “mentalità del liceo”. Penso che la loro biologia le obblighi ad essere bambine troppo cresciute. Talvolta provo pietà per loro.

35) Sono totalmente amorali. Ci sono donne che non si fanno alcun problema ad accusare un innocente di stupro solo per sentirsi meglio con se stesse o perché in cerca di attenzioni. Non si fanno problemi a mandare un innocente in galera per vent’anni.

36) Sono totalmente inutili. Sembra non abbiano altre funzioni che far figli. In tutto il resto, gli uomini sono migliori. Quel che è peggio è anche se le donne possono avere figli che non vogliono allo scopo di “intrappolare” economicamente un uomo, manifestano regolarmente per l’aborto gratuito.

37) La maggior parte di esse non sono attraenti senza tonnellate di trucco.

38) Usano impropriamente il potere quando viene concesso loro. Gli uomini sono fisicamente e mentalmente più forti delle donne e tuttavia la maggior parte delle donne non è stata violentata, uccisa, percossa o maltrattata. Questo dimostra anche la superiorità morale degli uomini. Gli uomini avrebbero potuto annientare le donne se avessero voluto, ma invece hanno costruito un mondo sicuro e libero da pericoli. Non si può dire lo stesso delle donne. Dategli il diritto all’aborto, ed ecco tremila morti al giorno. Date loro il diritto di voto, ed ecco un bel regime collettivista. Date loro il diritto a divorziare, ed ecco che la famiglia sparisce perché il 70% di richieste parte dalle donne. Fatele insegnare, e si scoperanno gli studenti minorenni più attraenti.

39) L’incapacità di capire come funziona realmente il mondo. Se solo sapessero quanti sforzi gli uomini fanno per garantire la sopravvivenza della società, abbandonerebbero il femminismo all’istante. Ma non lo faranno. Pensano che “gli uomini sono cattivi perché non ascoltano i nostri sentimenti e tutti sono stupratori e assassini”, ma se gli uomini sparissero per un giorno, vorrei vedere come sopravviverebbero.

40) La mancanza di obiettivi. Non sono creature filosofiche. La loro ambizione più alta sembra essere quella di comprare un nuovo paio di scarpe. Non sono naturalmente portate al pensiero, infatti non hanno mai prodotto alcunché di importante dal punto di vista culturale.

41) Non accettano ormai nessuna critica dagli uomini, se osiamo dire qualcosa ci bollano come misogini e sessisti, aggiungendo insinuazioni sulle dimensioni dei nostri organi sessuali, sulla nostra verginità ecc…

42) La mia ultima ragazza è la cosa che più mi ha scioccato. Dopo avermi inondato di affetti e complimenti, promesso di stare assieme con me per sempre, mi ha chiesto di sposarmi. Quando le ho detto che non avrei potuto farlo dopo una terrificante esperienza di divorzio, ci siamo lasciati. Dopo due mesi era già con un altro, al quale dice le stesse cose che diceva a me. Col senno di poi, penso lo contattasse da tempo prima di lasciarmi. Beh, fanculo, spero la sposi così otterrà quello che vuole, considerando comunque che è incapace di mantenersi da sola.

43) Le implicazioni evolutive dell’ovulazione nascosta: le donne letteralmente nascono per ingannare gli uomini che provvederanno a loro (e ai figli di un altro).

44) Come sono disposte a gettare tutto al vento e mettere in ginocchio anche il più grande degli uomini, nel momento in cui un belloccio palestrato appare nella loro visuale.

45) La donna è l’antitesi del romanticismo, della creatività, della compassione, dell’altruismo e delle nobili aspirazioni. I maschi sono i veri propugnatori di tutto questo. I maschi sono i migliori artisti, poeti, scrittori, ingegneri, scienziati, ecc. I maschi hanno anche creato una rappresentazione immaginaria delle donne e si sono innamorati di essa…

46) Narcisismo, manipolazione, materialismo, mentalità mercenaria. Tutto ciò che conta alla fine è spillare quattrini al maschio beta. Se non hai la grana sei fuori dal gioco.

47) Che siano sempre stressate e arrabbiate, praticamente ogni giorno della loro esistenza.

48) I media le ritraggono come angeli premurosi in cerca di un bravo ragazzo, ma l’esperienza mi dice che è l’esatto contrario.

49) Quanto sono eccitate, stupide, competitive, amorali, insensibili, disoneste, spietate, superficiali.

50) L’unico momento in cui sono interessate a te è quando vogliono qualcosa. Altrimenti potresti crepare e loro passerebbero sul tuo cadavere.

51) Come siano completamente incapaci di fare qualsiasi lavoro pratica. A parte una bella faccia e un buco bagnato, che altro hanno? Sanno cambiare l’olio, riparare una presa? Credo di no

52) Il fatto che non abbiano consapevolezza che la bellezza sfiorisce, che si sopravvalutino tantissimo, che siano alla ricerca costante di un partner migliore.

53) Quanto siano noiose, tutte.

54) Come anche le ragazze apparentemente più timide, simpatiche, leali e innocenti possano avere un passato che smentisce completamente il loro atteggiamento. E anche quelle senza un passato burrascoso, vedendo quanto velocemente cambiano e regrediscono mentre sviluppano una dipendenza dall’attenzione maschile e la tendenza alla manipolazione psicologica.

55) Ciò che mi colpisce di più è l’effetto dannoso sui maschi cresciuti da una madre single. Oltre il 50% della popolazione carceraria sono uomini cresciuti senza padre. Per non dire dei problemi di salute mentale che ne derivano (aneddoto: sono stato allevato da una madre single, soffro di ADHD e di depressione comorbida e sono sull’orlo dell’alcolismo).

56) Ciò che mi ha sorpreso è la loro incapacità di pensiero critico e di qualsiasi forma di logica avanzata o ragionamento più elevato, come se molte donne si affidassero totalmente alle emozioni e all’istinto. Proprio come bambine.

57) Quanto sono superficiali ed egocentriche. Nonostante ci facciano il lavaggio del cervello per convincerci a pensare che le donne siano il “gentil sesso”, sono assolutamente più superficiali della maggior parte degli uomini.

58) Come possano tagliarti fuori dalle loro vite come se non fosse mai successo nulla tra voi due, non appena sentono un formicolio più forte per un belloccio o per qualcuno che a loro appare “migliore” di te.

59) La maggior parte delle donne sono letteralmente da manicomio.

60) In generale le persone sono piene di pregiudizi, ma le donne portano la questione a un livello inedito: ti giudicano per le cose più insignificanti, come l’auto, la casa, il conto in banca, il corpo, i capelli, il cazzo, i denti, le mani, persino le unghie…

61) Non sono sicuro che ci sia una sola cosa che mi abbia scioccato, è stato più che altro un processo. Penso però che mi abbia colpito la mancanza di “assortimento” tra le donne: voglio dire, ci sono miriadi di “tipi” tra gli uomini, nel bene e nel male. Ci sono i grandi artisti e i trogloditi terra terra eccetera. E ci sono uomini alti che vanno con donne basse e grasse, ma non viceversa. Ci sono uomini a cui piacciono le donne dominanti, ma non ci sono donne che vanno con uomini “sottomessi”. Molti uomini starebbero bene con una donna che guadagna più di loro, le donne non. E così via. Praticamente con le donne è come se “conosciuta una, conosciute tutte”: hanno tutte lo stesso atteggiamento sociale (ipergamia), le stesse preferenze sessuali (sottomesse e masochiste), le stesse opinioni (ripetono a pappagallo tutto ciò che i media, il mondo accademico, gli “attivisti” e gli “artisti” vogliono che ripetano), gli stessi interessi (“viaggiare”), lo stesso umorismo inesistente, eccetera.

62) La loro sete di vendetta. Hell hath no fury like a women scorned (“L’inferno non è più feroce di una donna trascurata”) è un buon motto. L’assoluta mancanza di empatia per qualsiasi altra creatura vivente è sorprendente. Penso siano un mistero per loro stesse.

63) Come possano essere dolci e disponibili con un belloccio e trattarti di merda al contempo perché non sei attraente.

64) Vedere membri della mia famiglia umiliati dal divorzio, amici traditi e resi emotivamente instabili, provare su me stesso l’esperienza del tradimento, scoprendo in un modo o nell’altro che quella creatura “dolce e innocente” era solo una puttana opportunista.

65) Come ti scaricano al volo quando non gli servi più.

66) Le bugie. Le menzogne palesi, intenzionali, sistematiche, metodiche.

67) Quando mettono in piazza le cose più vergognose vantandosene. Nessun pudore, nessuno stile

68) Mi sconvolgono le mamme millennial. Escono ogni sabato sera piazzando il figlio con la babysitter. Vogliono più soldi dal governo perché essere mamma è il lavoro più difficile del mondo e devono comprarsi vestiti firmati e l’ultimo modello di iphone. Tutto questo senza lavorare. Vogliono una bella casa nuova pagata dallo Stato e un fidanzato che possa mantenere i loro figli. Sono le persone più egocentriche e competitive di sempre.

69) Trovo che il 95% delle donne valga una botta e via; per il resto sono da lasciar perdere. Non si prendono cura di se stesse, non vogliono impegni, passano il tempo a fumare erba e cercare lavoretti senza sbocchi. La maggior parte delle donne di questa generazione non ha nulla da mettere in una relazione. Sprecheranno i loro anni di fertilità per avere figli con bellocci casuali, fare lavoretti inutili e fumare erba tutto il giorno.

70) Per me la cosa più scioccante delle donne è l’aver rifiutato la famiglia non appena le si è messe nelle condizioni loro di poterlo fare.

71) Sono tutte uguali. Programmate per essere tutte così! Ne incontri una ed è come averne conosciute un milione. Fanno le stesse cose, mangiano le stesse cose, dicono le stesse cose, portano gli stessi vestiti, sono tutte concentrate sui loro telefoni, le trovi tutte nello stesso Starbucks. Per quanto riguarda gli uomini, puoi almeno imbatterti in tipi differenti: l’arrogante, il nerd, il calmo, l’estroverso, il creativo, il logico, lo spiritosone, il tuttofare, lo scienziato, il romanziere eccetera. Ed è sconcertante che a essere messe su un piedistallo siano le donne, mentre gli uomini sono visti come “interscambiabili”. Anche per questo sono facilmente suggestionabili da ideologie come il femminismo, il consumismo, il collettivismo, per la loro mentalità da branco (di pecore).

72) Che ogni volta che aprono bocca è per mentire.

73) Quanto siano stupide, ma davvero. Sono stato con una donna per otto anni e l’ho sempre considerata intelligente fino a quando non ho iniziato a tenere il conto delle stronzate che dice ogni giorno.

74) La mancanza di empatia. Se credi che la stronzaggine della tua ex fosse un segreto per le sue amiche, non lo era, anzi probabilmente la incoraggiavano in tal senso.

75) Non è così stupefacente, ma ho scoperto che le donne nel mondo del lavoro non sono in grado di risolvere semplici problemi. Devono trovare il modo più complicato di risolvere le cose più semplici. Potrebbe essere perché si aspettano sempre che un uomo venga in loro soccorso?

76) Che il 99% di esse non abbia alcun concetto di onore. Più volte la vita mi ha fatto ricredere dell’idea che “una cosa del genere lei non la farebbe mai”.

77) Non sopportano le debolezze di un uomo e ti lasciano se non puoi più mantenerle.

78) Gli antichi greci sostenevano che educare una femmina è come dare più veleno a un serpente. Qualche anno fa è stato fatto uno studio che ha dimostrato che le donne violente sono tutte istruite, mentre per gli uomini violenti è esattamente l’opposto. Ma non c’è bisogno di uno studio scientifico per rendersene conto.

79) Che possono smettere di amarti in un secondo dopo una storia durata anni. Penso siano incapaci di amare come può amare un uomo. Dopo due settimane sono già nel letto di un altro. La lealtà, sanno cosa significa?

80) Ciò che colpisce di più è che tutte le donne interessanti sono creazioni di scrittori maschi. Gli scrittori vengono sono odiati dalle femministe, quando invece dovrebbero essere lusingate. Perché le donne inventate da scrittori maschi sono sempre interessanti, mentre quelle reali sono tutte uguali, e noiose.

81) Mi sciocca la verità, perché è brutale: puoi amare le donne o capirle. Non puoi fare entrambe le cose.

82) Quanto siano più sessiste de maschi. Un uomo può essere il peggior maschilista di tutti, ma vorrebbe ancora una donna. Una donna invece può farne a meno degli uomini, dunque il suo sessismo non ha alcun argine.

83) Quanto possono essere bigotte e mentalmente chiuse. Provare cose nuove, al di là dello shopping e di Netflix? Non se ne parla.

84) Lasciate a se stesse, diventando creature degenerate guidate solo dall’istinto.

85) I soldi! Ogni ragazza che ho avuto non è mai stata capace di gestire un centesimo. Quando ho scoperto che l’ultima aveva 50mila dollari in debiti universitari, sono scappato.

86) Che non provino più nulla verso di te se perdi il lavoro e hai bisogno del loro aiuto (più sentimentale che economico): il cambiamento immediato e repentino del loro atteggiamento è la cosa più sconvolgente…

87) Quanto siano egoiste e che l’unico modo in cui possano amarti sia nella prospettiva di sfruttarti e farsi belle con le altre donne. Noi uomini siamo solo oggetti per loro.

88) Quanto siano sporche, si sciacquino un po’ le ascelle e le parti intime.

89) Il loro rifiuto di mantenere sane fisicamente e mentalmente. Perché disfarsi è meglio per la loro “causa”.

90) Quando tutte ripetono di non essere come le altre.

91) Sono letteralmente delle parassite. Usano “l’amore” come grimaldello, salvo poi pugnalarti alla schiena un attimo dopo. Creature spietate che fanno affidamento sul pianto per manipolare gli uomini.

92) Dopo anni sprecati nel tentativo di essere un maschio “riflessivo” e rispettoso delle donne, e dopo aver vissuto con cinque donne diverse, ho capito che il loro stato costante è la paura della morte. Sono delle vigliacche, ragionano solo dalla prospettiva di salvarsi la pelle. Per questo sono inaffidabili. Tradirebbero chiunque (famiglia, amici, amanti) per istinto di conservazione.

93) Che si aspettino di esser prese sul serio nonostante non facciano alcuno sforzo di comportarsi da persone adulte.

94) Il loro materialismo, il modo in cui cercano appagamento attraverso gli oggetti, il consumismo, lo status. È come se non riuscissero ad accontentarsi di quel che hanno, anche se fosse solo se stesse. L’unico modo in cui cercano appagamento è attraverso motivazioni estrinseche: oggetti, status eccetera. Sono così inconsapevoli di se stesse, così poco introspettive…

95) Si laureano in università d’élite col massimo dei voti per poi sposarsi, tuffarsi in “hobby” come lo sport, il ballo, il violino, e non far più nulla per il resto della loro vita. Io mi sono appena laureato e non riesco a dormire senza pensare ai miei grandi progetti, impazzirei se non facessi un lavoro intellettualmente stimolante.

96) Che mia moglie dopo tredici anni di matrimonio abbia deciso di divorziare una settimana dopo che il mio medico mi ha detto che presto il mio cuore avrebbe ceduto (cioè la mia vita si sarebbe accorciata e lei sarebbe rimasta sola). Forse desidera “prenotare” un uomo nuovo prima di invecchiare troppo…

97) La cosa che mi sconvolge è che non vedi mai arrivare la mazzata finale. Se le relazioni di oggi seguissero una qualche logica, potresti almeno farti un’idea di quando una donna vuole lasciarti. Nella vita reale però questo avviene sempre quando meno te lo aspetti. La ragazza che trasloca portandosi via tutto mentre tu sei al lavoro. Quella che si scopa un ragazzo a caso ubriaca. Quella che esce per fumare e sparisce. Quella che pianifica con te l’intera esistenza e dopo un giorno non vuole più nemmeno parlarti. È sempre così casuale: come si fa a non impazzire? Tanto anche nel momento in cui mostrerai una qualche debolezza ti lasceranno comunque. Eppure non c’è nulla che tu possa fare, se non diventare un nichilista completo o vivere nel timore costante. Il giorno più bello che passerai con lei sarà probabilmente l’ultimo e non scoprirai mai perché è finita.
I regimi usano questa tattica per gestire i campi di prigionia. Ogni mattina ti mettono al muro e ti sparano con una pistola scarica. Alla fine entri in uno stato di paura costante, quando non sai più quando verrà il giorno che quel caricatore sarà pieno. Le relazioni moderne non sono diverse. Ogni donna continuerà a mentire fino al momento casuale in cui ti lascerà. Quindi ogni giorno sei costretto a chiederti se effettivamente risponderà, si farà vedere, tornerà a casa la sera. Come puoi mai goderti una cosa del genere?

98) Ci sono tre miliardi di donne al mondo e non una di esse sa cosa vuole per cena.

99) Come siano così poco interessanti, specialmente nelle conversazioni. È come parlare con un sacco di patate.

100) Onestamente non credo di aver ancora razionalizzato lo shock. Sento una qualche tristezza nel pensare alle donne, ma spero un giorno di poterla razionalizzare.

2 commenti su “Cento cose che vi sconcertano delle donne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.