Come Diventare un Dittatore

Pagina di WikiHow rimossa senza addurre motivazioni plausibili, che noi ripubblichiamo (tradotta in modo meno maccheronico: “camicie marroni” invece che “brune” ecc…) solo per favorirne il ritorno sul sito originale:

Come Diventare un Dittatore

Hitler. Stalin. Castro. Mao. Questi e molti altri nel corso della storia sono saliti al potere a scapito dei loro popoli, sottomettendo alleati e nemici allo stesso modo. Se hai l’ardente desiderio di dominare gli altri e tenerli al loro posto, ci sono alcuni percorsi che possono aiutarti nel raggiungimento di quest’obiettivo.

Prima Parte
Le chiavi del potere assoluto

1. Brama il potere. Nessun despota senza scrupoli conquista il potere senza avere qualche sorta di bramosia di potere fin dall’inizio. Una volta instillato il desiderio di potere, esso porta allo sviluppo di un piano per ottenerlo, e poi di un piano per ottenerne ancora di più.
A volte, essere messo in una posizione di potere è sufficiente per diventare un dittatore. L’esperimento carcerario di Stanford del 1971, in cui degli studenti furono scelti per essere “guardie” o “prigionieri”, fu necessariamente fermato dopo una settimana perché le “guardie” iniziarono ad abusare dei “prigionieri”.

2. Abbi esperienza militare. Nonostante un’educazione militare non sia assolutamente necessaria per diventare un dittatore, può essere di grande aiuto. Oltre a fornirti il primo assaggio di potere, può anche insegnarti tattiche di guerra, logistiche, reclutamenti e doti da leader che possono aiutarti a prendere possesso del tuo Paese.
Essere nell’esercito ti dà anche un’uniforme cool da indossare mentre sei al potere, per intimidire amici e nemici. Mentre sia Fidel Castro che Mao Zedong preferivano semplici tenute da fatica, dittatori del calibro di Idi Amin e Muammar Gheddafi preferivano uniformi da ufficiali (Gheddafi fece un passo in più, adottando l’appellativo di “Colonnello”). Persino Hitler indossava un’uniforme paramilitare per la maggior parte del tempo, completa di fascia al braccio con la svastica disegnata da lui.

3. Diventa egocentrico. Josef  Stalin e Saddam Hussein erano noti per atteggiamenti narcisisti, così come molti altri potenti della Storia. Per essere un dittatore efficace, devi amare te stesso, perché non puoi essere sicuro che tutti gli altri lo facciano.
Avere il tuo primo assaggio di potere ti aiuta a distaccarti emotivamente dalle tue future vittime. Alcuni studi pubblicati sulla rivista “Psychological Science” nel 2006 e nel 2010 hanno mostrato come le persone che si considerano in una posizione privilegiata diventano più egocentriche e meno portate a vedere le cose dal punto di vista degli altri.

4. Sostiene cause non convenzionali. Gran parte dei più celebri dittatori di sempre, e molti di quelli meno celebri, sono ricordati per i loro peccatucci personali e le strane credenze che li distinguevano dalla massa. Se vuoi diventare un grande dittatore, indaga tra le cose in cui credi e scopri cosa puoi ricavarne per opprimere i tuoi futuri adepti.
I pregiudizi personali sono un ottimo punto di partenza, specialmente quando hai bisogno di un capro espiatorio per rivoltare l’odio degli altri verso e contro di te. L’odio del protestante Oliver Cromwell nei confronti dei cattolici gli fornì un ottimo capro espiatorio durante il suo Protettorato, mentre Adolf Hitler iniziò con l’odiare gli ebrei nel Partito dei Lavoratori Tedeschi.
Puoi insistere su questo punto costringendo gli altri a condividere il tuo credo. Da rigido vegetariano, Hitler amava umiliare i commensali con grafici racconti di massacri animali, e da astemio, intimava le sue vittime a mantenere i loro corpi liberi da sostanze tossiche e contaminanti.
Qualsiasi opinione stravagante tu possa avere, non condividerle tutte in un colpo solo con amici o nemici. Fateli convincere che certe cose su di te siano vere, che lo siano o no. Idi Amin era considerato da molto un cannibale, sebbene le voci non siano mai state confermate; alcuni pensano che abbia messo in circolazione lui stesso questa diceria per sviare l’attenzione dalle atrocità commesse sotto il suo comando.

5. Lavora sul tuo carisma. Per quanto le tue credenze possano essere lontane da quelle ufficiali, puoi fregare tutti sviluppando il tuo carisma personale e le abilità oratorie. Da giovane, Benito Mussolini si fece notare per il suo fascino e le capacità di persuasione: sebbene l’abbiano portato all’espulsione dalla Svizzera, lo aiutarono poi a diventare il Duce italiano.
Anche le tue abilità letterarie possono essere utili nella propagazione del tuo credo. Hitler scrisse il Mein Kampf, Mussolini diresse l’“Avanti”, e Napoleone III scrisse una serie di trattati rivendicando la necessità di un impero per la Francia.

6. Costituisci un gruppo di sostenitori. I tuoi amici devono dipendere da te per i loro riconoscimenti, mentre i tuoi nemici devono esserne esclusi. Fornisci ai tuoi sostenitori riconoscimenti sufficienti a mantenerli dipendenti da te, ma non tanti da fargli accumulare risorse proprie per rivoltarsi contro di te.
Puoi mantenerti al potere se hai un ampio bacino di potenziali sostenitori da cui attingere. Una dittatura in una società presumibilmente senza classi, come l’Unione Sovietica, può durare di più rispetto a una che si basa sul supporto di una piccola classe dominante.
Mantieni basso il numero dei tuoi sostenitori principali, comunque. Più sono, più aumenta il rischio che si rivoltino contro di te.

7. Non fidarti di nessuno più del necessario. Per quanto ti servano sostenitori per conquistare il potere, dovresti ricordarti che sono tuoi sostenitori per ciò che hai promesso e dato loro, non per forza perché gli piaci o credono nella tua causa. Inoltre, ricorda che stai dando ai tuoi sostenitori un assaggio di potere, e ciò può bastare a fargliene desiderare di più e volerti rimpiazzare. Come a dire: sii paranoico.
Puoi gestire i tuoi sentori intimidendo con cautela amici e nemici allo stesso modo. Per Stalin ha funzionato.
Quando la semplice intimidazione fallisce, e i tuoi sostenitori smettono di essere una risorsa per diventare un peso, liberatene. La Notte dei Lunghi Coltelli della Germania nazista fu il modo escogitato da Hitler per liberarsi delle SA che lo avevano aiutato a ottenere il potere prima che riuscissero a conquistare l’esercito tedesco.

Seconda Parte
Modi per ottenere il potere

1. Appropriati di una dittatura esistente. Prendere il potere in un Paese che è sempre stato retto da un dittatore è più facile che conquistarne uno che ha già assaporato la libertà. Puoi farlo in due modi:
a. Il modo più facile per rovesciare una dittatura esistente è ereditare il potere. Ha funzionato in Siria, dove Bashar al-Assad ha ereditato il comando dal padre, Hafiz al-Assad, e a Cuba, con Raul Castro che ha preso il posto del fratello Fidel. Ha funzionato per tre generazioni in Corea del Nord, con Kim Jong-Un che ha preso il posto del padre Kim Jong-Il, che a sua volta aveva seguito il proprio padre, Kim Il-Sung. Solitamente, devi essere nato in una famiglia di dittatori per usare quest’opzione, ma in alcuni regimi basta avere una posizione di potere sotto il comando esistente per rimpiazzarlo quando il capo muore.
b. La via più complicata è ribaltare una dittatura esistente e instaurare la tua. Fidel Castro ottenne il potere a Cuba abbattendo la dittatura di Fulgencio Batista, che aveva preso il potere rovesciando quella di Gerardo Machado.

2. Trova un vuoto e colmalo. Se non riesci a sostituire un altro dittatore, allora hai bisogno di pensare come un imprenditore e trovare un Paese pronto a essere conquistato. Ci sono vari elementi da tenere d’occhio:
a. Governi oppressivi o repressivi. I governi impopolari non sono solo quelli dittatoriali. Le monarchie sono sempre state un obiettivo per i rivoltosi, soprattutto quando i reali pensano solo a riempirsi le tasche o semplicemente mantengono troppa distanza dai sudditi. Gheddafi ottenne il potere in Libia rovesciando Re Idris, il cui sistema centralizzato federale era impopolare tra le varie tribù del Paese, mentre Oliver Cromwell divenne Signore Protettore della Gran Bretagna dopo l’esecuzione di Carlo I e lo scioglimento del Parlamento Superstite al comando della repubblica che lo seguì.
b. Governi deboli. La Repubblica di Weimar, successiva all’impero del Kaiser dopo la Prima Guerra Mondiale, non aveva il sostegno del popolo e aveva pure il peso dei costi conseguenti alla pessima gestione di Guglielmo. C’erano estremisti da entrambe le parti e l’assassinio del ministro agli affari esteri, il moderato Walter Rathenau, nel 1922 non incoraggiò affatto il governo a pensare ai propri problemi economici.
c. Crisi economiche. Come scritto qui sopra, la Repubblica di Weimar era afflitta da problemi economici, derivanti dalle riparazioni di guerra in marchi tedeschi dorati, mentre Guglielmo II aveva rimosso la convertibilità del denaro in oro nel 1914. I prezzi, che erano raddoppiati durante la guerra, raddoppiarono di nuovo qualche anno dopo la fine della guerra, portando a una crescente economia sommersa.
d. Carestia. Mentre la Grande carestia irlandese è ricordata per il suo impatto su quel Paese, si è in realtà propagata anche in alcune parti dell’Europa settentrionale. Precedette diverse guerre e rivoluzioni nel Vecchio Continente, una delle quali porto Napoleone Bonaparte a diventare presidente della Seconda Repubblica francese. Quando non gli fu concesso di candidarsi per un secondo mandato, forzò il potere e diventò Napoleone III, imperatore del Secondo Impero.

3. Identifica un nemico comune da combattere. In caso tu abbia in programma di prendere con la forza una dittatura esistente o di abbattere un’altra forma oppressiva di governo, hai già un nemico. In caso contrario, potresti doverne trovare uno per utilizzare la mentalità del “noi contro loro”. Ecco alcuni candidati:
a. Partiti politici rivali. Hitler si servì dell’incendio del Reichstag per accusare e arrestare i suoi nemici comunisti dopo essere stato eletto cancelliere della Germania, seguito poi dal far approvare dal Reichstag un decreto per permettergli di promulgare le proprie leggi. Da lì, è stata questione di pochi altri piccoli passi per diventare Führer.
b. Minoranze etniche o razziali. Hitler e gli ebrei è l’esempio più ovvio.
c. Gruppi religiosi. Di nuovo, Hitler e gli ebrei, così come Cromwell e i cattolici. Per Stalin, i seguaci di qualsiasi religione.
d. Governi stranieri. Qualsiasi governo con un sistema economico diverso dal tuo e che reputi collabori con i tuoi nemici e ficchi il naso nei tuoi affari è un ottimo fantoccio da abbattere. Gli Stati Uniti oggi sono spesso l’ago della bilancia in scelte simili oggigiorno.

Consigli

Non devi essere nato nel Paese di cui vuoi diventare dittatore. Sebbene fosse dittatore della Germania, Hitler nacque in Austria e non diventò cittadino tedesco fino al 1932, l’anno prima di prendere il potere.
Non devi per forza essere un leader visibile per essere dittatore. Dopo aver rovesciato Machado, Batista assunse il “potere dietro le quinte” con una serie di presidenti-fantoccio prima di essere regolarmente eletto nel 1940.
Durerai più a lungo come dittatore fornendo ai tuoi sudditi alcune libertà minori e come minimo le necessità primarie. Occhio però a non dargli tutto e subito, sempre.
Per maggiore ispirazione su come mettere i piedi in testa alla gente, leggi “La fattoria degli animali e 1984 di George Orwell. Se cerchi modelli despotici da seguire, dai un’occhiata alla lista dei 25 dittatori più feroci della Storia.

Avvertenze

Non diventare troppo ambizioso. I tentativi di conquistare la Russia portarono alla caduta sia di Napoleone che di Hitler.
Non essere vittima delle tue fissazioni. Durante il suo regime negli anni Cinquanta, Batista sfruttò il proprio odio verso i vizi dei ricchi cubani per istituire sia un programma di edilizia di massa che l’imponente gioco d’azzardo a L’Avana. Entrambi fallirono l’obiettivo di portargli la popolarità che cercava, così sospese la costituzione e chiuse un occhio sulla brutalità della polizia, diventando ancora meno popolare.
Non credere alla tua stessa propaganda. Nonostante si dica che Mussolini facesse arrivare in orario i treni italiani, egli fallì nel creare un adeguato sistema di comunicazioni in tempo di guerra o nel fornire un adeguato sistema di trasporto del carbone su rotaia quando non fu più possibile importarlo via mare.

Domande & Risposte

Posso rovesciare un governo per essere un dittatore e fare lo stesso una buona impressione sul resto del mondo?
Le tue politiche influenzeranno il modo in cui le persone ti giudicheranno. Meno morti farai e meno crisi causerai, più sarai rispettato. cittadini sono felici e prosperi, il mondo ti giudicherà in modo positivo.

Il genere può rappresentare un problema per la mia dittatura?
Dipende dal posto. per esempio, in Medio Oriente, potrebbe in effetti essere un problema.

Perché dovrei diventare un dittatore?
Alcune persone vogliono il controllo assoluto su un paese e la sua gente, come una overdose di potere. Se vuoi il pieno controllo di un Paese per farlo funzionare come desideri, allora potresti diventare un dittatore. Tuttavia, non consiglio di diventare un dittatore a chiunque perché il carico di responsabilità è molto più alto di quel che può sopportare una persona comune.

Posso conquistare gli Stati Uniti e farli diventare una dittatura come la Corea del Nord?
Puoi provarci, ma l’America è una nazione potente e non faresti una bella fine.

Hitler ha fatto qualcosa di sbagliato?
Ha ucciso sei milioni di ebrei e molte altre minoranze. È considerato il leader più malvagio della storia. Ha anche consentito ai suoi scienziati di condurre orribili esperimenti su pazienti che non avevano la possibilità di dare il proprio consenso. L’elenco potrebbe continuare all’infinito, ma per rispondere alla tua domanda: sì. Hitler ha fatto molte cose sbagliate.

Perché i democratici non sono stati processati per aver tentato di rovesciare Trump?
Sono sicuro che se l’opzione fosse sul tavolo, Trump l’avrebbe già utilizzata.

È possibile conquistare Russia, Cina o India?
Sì, è possibile con l’adeguata forza militare.

Bonus
I grandi dittatori del mondo

Great dictators of the world. Tabellone a uso scolastico prodotto dalla casa editrice indiana Mahesh Arts di Sivakasi (fonte)

2 commenti su “Come Diventare un Dittatore

  1. Il tutorial funziona perfettamente, sono il nuovo dittatore della Repubblica Demografica del Congo e spacca fra. Inoltre sto per prendere il controllo della Polonia e per annettere la Cina nei miei prossimi progetti di conquista. Auguratemi buona fortuna.
    XOXOXO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.