Un ex diplomatico iraniano sostiene che il coronavirus è un’arma biologica creata dagli Stati Uniti

Il 5 marzo 2020 Amir Mousavi, ricercatore e ex diplomatico iraniano in una intervista al canale arabo di Russia Today ha citato il biologo russo Igor Nikulin (intervistato una settimana prima dalla stessa emittente) tra gli “scienziati di spicco” che avrebbero corroborato la tesi del coronavirus come arma biologica.

A parere di Mousavi, il coronavirus sarebbe il mezzo con cui gli americani vogliono colpire politici e siti culturali dei Paesi nemici, come il presidente Trump aveva minacciato di fare.

Ha aggiunto che gli Stati Uniti potrebbero avere già una cura, ma che prima di diffonderla aspettano che l’epidemia si espanda in Cina e Iran: in tal modo la cura aumenterà di prezzo e produrrà maggiori profitti per l’America.

Mousavi ha anche affermato che la recente offerta americana di aiuti all’Iran è vincolata a una richiesta di informazioni specifiche, il che dimostra che gli Stati Uniti stanno cercando di raccogliere dati sul comportamento del virus per utilizzarlo nelle future guerre biologiche (MEMRI).

“Scienziati di spicco hanno sottolineato l’idea [che il coronavirus sia un’arma biologica] – incluso il biologo russo Mr. Igor [Nikulin], che ha affermato che non è qualcosa di naturale. Ci sono scienziati, anche negli Stati Uniti, che affermano che questi virus non esistono naturalmente nell’uomo, ma sono piuttosto un prodotto di laboratorio. In passato si sarebbero diffusi negli animali selvatici. Secondo i rapporti di laboratorio sulla composizione di questo virus, esso non esiste nell’uomo. Potrebbe esser stato sviluppato in laboratori pericolosi utilizzati nella guerra biologica. Non dobbiamo dimenticare che gli Stati Uniti hanno minacciato di attaccare i centri culturali. Il presidente Trump ha fatto questa minaccia. E in effetti Wuhan è un sito culturale, non un centro industriale o commerciale: lo stesso vale per la città santa di Qom, sito culturale e religioso per eccellenza.
[…] Credo che anche alcuni funzionari vengano presi di mira. Abbiamo appena sentito la notizia della scomparsa di Hossein Sheikholeslam, collaboratore del Ministero degli Esteri e diplomatico di lungo corso. Vediamo che alcune persone in parlamento [hanno il virus] , così come le persone che sono vicine alla Guida Suprema [Khamenei] e che lavorano in importanti istituzioni… E forse anche le persone che lavorano nei media, come il sottoscritto, verranno prese di mira.
[…] Forse gli [americani] hanno l’antidoto e lo riveleranno con calma in futuro, perché non vogliono diffondere il vaccino nei paesi attualmente colpiti come la Cina, l’Iran e la Corea del Sud. Vogliono che il prezzo aumenti in modo da poterne trarre profitto. Vediamo che anche la recente proposta di aiuto americana all’Iran è arrivata con [una richiesta] di informazioni accurate. In altre parole, vogliono sapere come questo virus si diffonde, in modo che possano usarlo nelle loro guerre biologiche”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.