Famiglia ebraica di Roma: Israele è il futuro, l’Italia è finita

‘When I Visited Israel in My Youth, Italy Was the Advanced Country. Now It’s the Opposite’
(Haaretz, 16 maggio 2020)

La famiglia Guetta, da sinistra: Lisa, 49; Rachel, 26 anni (e il suo ragazzo, Sean, 30); Sharon, 16 anni; e Roberto, 52 anni

Dove va questa bella famigliola?

Lisa Guetta: Ritorniamo a Roma. Siamo “fuggiti” dal coronavirus a marzo. Oltre alle ragazze, che sono qui con noi, abbiamo altri due figli grandi a Tel Aviv, e Roberto ha due sorelle qui. Quindi ora torniamo indietro, insieme al ragazzo di Rachel, Sean. Dovevano sposarsi a giugno, ma abbiamo rimandato. Ci è piaciuto stare qui assieme.

Roberto Guetta: La situazione è dura in Italia, anche a Roma, che è stata molto meno colpita. Abbiamo amici che si sono ammalati, ma fortunatamente si sono ripresi tutti.

Siete una grande famiglia.

Lisa Guetta: Sì, nella comunità ebraica italiana, ogni famiglia ha almeno tre figli. È diverso dal resto d’Italia. Le persone non fanno più figli, hanno paura, perché la situazione è confusa. Le cose sono un po’ più facili nella comunità ebraica, perché c’è più sostegno e poi c’è sempre il pensiero che Israele è lì ad aspettarci.

Da dove viene il tuo eccellente ebraico?

Roberto Guetta: Grazie alla scuola, alle visite in Israele e alle serie tv: abbiamo visto Fauda, The Arbitrator, Dead for a Moment, qualsiasi cosa. Dato che i bambini erano piccoli, ho detto loro: “Guardate come funzionano le università in Israele, come le cose si sono sviluppate laggiù”. Ho sempre rimarcato i vantaggi di trasferirsi in Israele, e in effetti ora tutti i miei figli vogliono viverci.

Cosa c’è di così straordinario qui?

Roberto Guetta: Quando ho visitato Israele ero giovane, il tipico ragazzo europeo e sofisticato che che veniva da un paese sviluppato. L’Italia era il luogo in cui accadevano le cose più importanti. Adesso è quasi il contrario. L’Italia è fantastica, ed è impossibile non amarla: il mare, le montagne meravigliose, il paesaggio meraviglioso, Roma – la città più bella del mondo – e le grandi risorse naturali, la straordinaria storia e cultura, il clima. È unica nel suo genere. Ma la politica ha rovinato tutto. Tanto potenziale, così pochi risultati. Le persone devono scegliere tra un leader corrotto e un altro.

Anche in Israele, non è così?

Roberto Guetta: Ci sono somiglianze, ma qui le persone si ribellano, scendono in strada, cercano di correggere le cose. In Italia tutti sono disperati, rassegnati alla situazione. E le conseguenze alla lunga si vedono: Israele ora è un Paese tecnologicamente avanzato mentre l’Italia perde terreno. Le giovani generazioni stanno fuggendo, perché non vedono un futuro in Italia. Il coronavirus è solo un altro colpo a un Paese già ferito.

Sei nato a Roma?

Roberto Guetta: Sì. I miei genitori sono emigrati dalla Libia nel 1967 e sono nato nel 1968, il più giovane di sette fratelli. La comunità ebraica di Roma stava ancora riprendendosi dall’Olocausto ed era molto chiusa; c’era una mentalità da ghetto. Gli immigrati dalla Libia erano diversi: hanno “aperto” la comunità perché sono arrivati ​​con “meno bagagli”. Ma erano anche gente semplice e doveva far pratica della ricca cultura italiana. Ricordo che era molto difficile per i miei genitori, immigrati più anziani.

Come lo hai percepito?

Roberto Guetta: Principalmente attraverso il confronto con le famiglie dei loro amici. Gli altri genitori si incontravano e andavano per ristoranti, caffè, opera. I miei genitori non avevano familiarità con la cultura. Ho sentito che mi stavo integrando con successo quando le mie sorelle hanno sposato uomini italiani. In questi giorni vedo molta Libia nella comunità ebraica di Roma.

Quindi farete aliyah, tornerete in Israele?

Lisa Guetta: Magari! Dopotutto, abbiamo i genitori e c’è lavoro a Roma, ma se tutti i nostri figli vengono qui lo faremo anche noi. I bambini più piccoli devono ancora fare le loro esperienze. Non possiamo fare piani. Sono cresciuto in una famiglia conservatrice, e quando ero giovane, era ovvio che avrei fatto esattamente quello che facevano i miei genitori. Oggi le cose sono cambiate ed è meraviglioso per me vedere che ci sono così tante opzioni disponibili. Speriamo di sistemarci in Israele.

Sharon Guetta: probabilmente tornerò a settembre, in un programma di scambio per studenti delle scuole superiori. Volevo andare a Londra, ma non c’è stata possibilità, quindi probabilmente sceglierò Tel Aviv.

Rachel Guetta: Vivo qui da quando avevo 18 anni. Ho incontrato Sean un anno fa in Israele, ma siamo tornati a Roma. Lavoro qui per una startup e muoio dalla voglia di tornare, ma dipende anche da lui. Ha già 30 anni e non è facile.

Un commento su “Famiglia ebraica di Roma: Israele è il futuro, l’Italia è finita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.