Gerusalemme: centinaia di israeliani marciano al grido di “Morte agli arabi”

Centinaia di estremisti israeliani hanno organizzato una marcia verso la Città Vecchia di Gerusalemme intonando il coro “Morte agli arabi”. Le risse notturne nelle strade della Città Santa tra la polizia israeliana e palestinesi sono sfociate in scontri tra Israele e Hamas. I militanti di Gaza hanno lanciato un’intensa raffica di razzi nel sud di Israele e Israele ha lanciato diversi attacchi aerei contro Gaza.

La scintilla degli scontri attuali è stata la decisione dello Stato ebraico di bloccare l’ingresso di una piazza della Città Vecchia durante il Ramadan. I palestinesi tradizionalmente si riuniscono sul posto ogni sera dopo le preghiere e il digiuno. Nonostante il provvedimento sia stato revocato dopo qualche giorno, centinaia di giovani palestinesi hanno continuato a protestare scontrandosi ogni sera contro la polizia.

La repressione delle ultime settimane ha riacceso i timori palestinesi che Israele stia cercando di rafforzare il proprio controllo su Gerusalemme Est. “Tutto quello che volevamo fare era sederci sulle scale della Porta di Damasco di notte per bere un caffè o un tè”, ha detto un residente di 24 anni che ha chiesto che il suo nome fosse nascosto perché temeva l’arresto.

“È una tradizione per i residenti della Città Vecchia uscire per una piccola refezione. Mio padre era solito sedersi sulla scalinata della Porta”, ha detto. “Quello che Israele sta cercando di fare è cancellare la nostra identità”.

Giovedì sera, un gruppo israeliano di estrema destra chiamato Lehava ha organizzato una massiccia manifestazione a poche centinaia di metri dalle proteste palestinesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.