Greta Thunberg secondo i miei lettori

Commenti di G. C.

Sotto il profilo mediatico, “Santa” Greta funziona abbastanza bene proprio perché è una figura compiutamente religiosa in un mondo che, da tempo, cerca in queste cose veri e propri succedanei del sacro. È, in sostanza, una profetessa apocalittica che chiama teoricamente le genti di tutto il mondo (ma in realtà solo gli occidentali, altrimenti risulterebbe antipatica) al pentimento e al sacrificio espiatorio. Chiede a tutti e a ciascuno di sgozzare il capro del proprio stile di vita per offrirne le carni ai sacerdoti laici dell’economia green. Altrimenti, non Dio ma Gaia sfogherà la sua ira sugli umani.
….
Greta Thunberg sembra un personaggio uscito dalla penna di George Orwell. Ormai le democrazie occidentali pretendono masse permanentemente mobilitate come nei sistemi totalitari, sebbene la mobilitazione richiesta altro non sia, a guardar bene, che passività e obbedienza assoluta.

In suo nome, il ceto medio occidentale verrà stratassato e costretto a ricomprare tutto ciò che ha in versione ecologica. I miliardari filantropi si fregano le mani. Belli i tempi in cui i leviti si accontentavano della decima sul raccolto: i sacerdoti green di oggi vogliono tutto.

I baizuo non debbono far nulla: solo plaudire lo tsunami di regolamentazioni e tassazioni green che da settembre in avanti i parlamenti occidentali approveranno una dopo l’altra e all’unanimità. Vedrai che “Ce lo chiede Greta” sarà il nuovo “Ce lo chiede l’Europa”. All’aereo non dovrà rinunciare nessuno, ma tutti dovranno pagare qualcosa di più, che si intascheranno i leviti green.

Commenti di L.M.

Greta funzione perché è una sorta di “angelo” asessuato, se vogliamo un cyborg che va bene a tutti.

La campagna è stata costruita solo sull’emotività e su una determinata fascia della popolazione occidentale, che ha i suoi asti interni e le sue paranoie. Penso che chi senta parlare di Greta a Calcutta prenda la cosa come l’ennesima stravaganza occidentale.

Nello scegliere il giusto testimonial, hanno dovuto tener conto dei vari sentimenti di odio intrasociale. Caratteristiche troppo sessuate, in un modo o nell’altro, la avrebbero resa invisa al target di riferimento: millennial profondamente nichilisti ma che allo stesso tempo cercano una “religione”, un qualcosa che dia senso alle loro giornate, tipo rompere il cazzo a qualcuno che accende un falò in spiaggia, perché “ehi, non hai sentito quello che dice santa Greta da Svedistan?” In generale i millennial sono stati “programmati” a vedere di cattivo occhio le caratteristiche sessuate: la mascolinità è tutta tossica e la femminilità è da riscrivere e potenziare. Una ragazza-cyborg-crociato è perfetta come testimonial.

Commento di L.V.

La trovo simpatica in tutto, specie nelle cose più orride. Ci chiede di rinunciare a ciò che non abbiamo e non avremo; viene a dirci che le promesse di una vita di consumi minimamente gradevoli fanno male a madre natura, quando era già chiaro dieci anni fa che non avremmo comunque avuto accesso al banchetto e non per ragioni ambientaliste.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.