Hezbollah chiama, Italia risponde

«La geopolitica è materia complessa e necessita di competenze e sensibilità, non a caso è materia della Farnesina.
Parlare di Hezbollah, di Libano, di Gaza, di Israele e di Palestina significa studiare oltre 70 anni di storia di conflitti (e quasi 2000 di popoli) e capirne mutazioni, società e possibilità concrete.
Farlo senza cognizione di causa, solo per schierarsi dalla parte del più forte, fa male a quei popoli, alla pace e ai nostri uomini in missione UNIFIL.
La spettacolarizzazione di tutto porta a gaffe pericolose che andrebbero evitate»
(Manlio Di Stefano, Movimento 5 Stelle, Sottosegretario agli Affari Esteri, 11 dicembre 2018)

«Hezbollah è un’organizzazione politica e una milizia armata, che attualmente nello scenario medio-orientale combatte al fianco di russi e dell’esercito siriano contro l’Isis. La dichiarazione del ministro Salvini, che definisce Hezbollah senza possibilità di appello come terroristi, deve essere letta come un cambio di posizione della Lega su Assad e sull’intervento russo in Siria? Noi di Fratelli d’Italia non abbiamo cambiato idea, tra i tagliagole dello Stato islamico e il regime di Assad, stiamo dalla parte di Assad»
(Giovanbattista Fazzolari, Fratelli d’Italia, 11 dicembre 2018)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.