I rapporti tra Anthony Fauci e Bill Gates comprometteno la lotta al coronavirus di Trump?

The Dark Truth About Fauci and Birx, Bill Gates And Globalist Elites
(National File, 13 aprile 2020)

Donald Trump vuole una soluzione immediata al coronavirus e punta tutto sul farmaco anti-malaria clorochina/idrossiclorochina, ma la verità è che il Presidente è ostacolato da una lotta di potere con Bill Gates che spinge per i suoi vaccini, i quali potrebbero non essere disponibili fin dopo le elezioni di novembre.

Gates è molto attratto dal mondo della medicina e ha qualche intrallazzo (in milioni di dollari), col dottor Fauci, il quale non a caso ha sostenuto la linea vaccinista del “filantropo”, sollevando dubbi ad arte sull’utilizzo della clorochina. La dottoressa Deborah Birx, membro del team anti-pandemia, nominata dall’ex presidente Obama come coordinatore globale per la lotta contro l’AIDS degli Stati Uniti, fa parte del consiglio di amministrazione di un gruppo che ha ricevuto miliardi dalla Fondazione Gates e avrebbe utilizzato un controverso modello –ovviamente patrocinato dall’ex patrono di Microsoft– per coordinare la lotta contro il coronavirus della Casa Bianca.

Il dottor Anthony Fauci, direttore del National Institute of Allergy and Infectious Disease (NIAD), inizialmente ha raffreddato le speranze di Trump sulla clorochina, affermando in un’intervista alla CNN che “non esiste un farmaco miracoloso al momento”, e in una conferenza che “ci sono affermazioni non verificate sul fatto che la clorochina funzioni, e una sperimentazione incontrollata non può comunque dimostrarne l’efficacia”.

In seguito il super-esperto ha cambiato toni e si è avvicinato più alle posizioni di Trump, affermando che avrebbe di sicuro prescritto la clorochina ai pazienti:

“Certo che la somministrerei, soprattutto se non ci fosse alternativa. Questi farmaci sono stati approvati per altri scopi, sono farmaci anti-malaria e contro alcune malattie autoimmuni come il lupus. I medici americani possono prescriverli al di fuori delle condizioni autorizzate, per qualcosa per cui non sono stati approvati”.

Fauci continua tuttavia a esternare tutto il suo scetticismo verso i  medicamenti propagandati da Trump:

Il dottore sostiene la linea secondo la quale la situazione non tornerà mai alla normalità finché non ci sarà un vaccino, facendo eco all’affermazione di Bill Gates secondo cui nella nostra cultura i raduni di massa “potrebbero non essere più possibili” prima della vaccinazione di massa (naturalmente Gates è anche un grande sostenitore della quarantena universale): “Se il ritorno alla normalità significa comportarsi come se non esistesse il coronavirus, non penso questo ritorno sarà possibile fin quando non troveremo un modo per proteggere interamente la popolazione”.

Fauci peraltro il 21 gennaio, in un’intervista a Newsmax TV, aveva minimizzato il coronavirus: “Non è una grave minaccia per il popolo americano, non è qualcosa per cui i cittadini degli Stati Uniti in questo momento dovrebbero preoccuparsi”..

Fauci aveva poi anche sostenuto che nessun americano avrebbe dovuto cambiare le sue abitudini quotidiane a causa del coronavirus.

Il NIAD di Fauci ha effettivamente finanziato uno studio sul coronavirus dei pipistrelli il quale prevedeva la collaborazione dell’Istituto di Virologia di Wuhan, il laboratorio cinese al centro delle controversie riguardo all’origine della pandemia. Ecco un estratto dal suo sito ufficiale (New Coronavirus Emerges From Bats in China, Devastates Young Swine, 4 aprile 2018):

“Un coronavirus recentemente identificato, che ha ucciso quasi 25.000 suini nel 2016-17 in Cina, è emerso da pipistrelli a ferro di cavallo con alcune somiglianze con la sindrome respiratoria acuta grave coronavirus (SARS-CoV), emersa nel 2002 nelle stesse specie di pipistrelli. Il nuovo virus si chiama coronavirus da sindrome da diarrea acuta suina (SADS-CoV). Non sembra colpire gli umani, a differenza della SARS-CoV che ha infettato più di 8000 persone, uccidendone 774. Dal 2004 non sono stati identificati casi di SARS-CoV. Gli studiosi hanno identificato il SADS-CoV in quattro allevamenti di suini nella provincia cinese del Guangdong. La ricera è una collaborazione tra scienziati della EcoHealth Alliance, della Duke-NUS Medical School, dell’Istituto di Virologia di Wuhan e di altre organizzazioni, ed è stato finanziato dal National Institute of Allergy and Infectious Diseases, parte del National Institutes of Health. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Nature. I ricercatori affermano che la scoperta è importante per identificare nuovi virus negli animali e determinare rapidamente il loro potenziale infettivo verso le persone, in modo da ridurre le minacce per la salute globale”.

In aggiunta, il Daily Mail ha riportato che il National Institutes of Health, di cui fa parte il NIAID di Fauci, ha sovvenzionato il laboratorio di Wuhan con 3,7 milioni di dollari proprio per studiare il coronavirus trasmesso da pipistrelli. Lo studio era intitolato Discovery of a rich gene pool of bat SARS-related coronaviruses provides new insights into the origin of SARS coronavirus (“La scoperta di un ricco patrimonio genetico di coronavirus correlati alla SARS da pipistrello fornisce nuove informazioni sull’origine del coronavirus della SARS”).

Quindi cosa sta succedendo? I retroscena stanno venendo alla luce. Bill Gates ha espresso dubbi sulla clorochina, affermando di voler condurre uno studio su di essa. A una domanda su Reddit, Gates ha risposto che

“ci sono molti farmaci in esame, questo è uno dei tanti ma non è dimostrata la sua efficacia. Se funziona dovremo assicurarci che siano fatte scorte per i pazienti che ne hanno più bisogno. Stiamo portando a termine uno studio per capirne l’efficacia”.

Gates sta finanziando il vaccino che competerebbero con la clorochina e l’agenzia del Dr. Fauci sta collaborando al progetto. La compagnia Moderna sta lavorando a un vaccino contro il coronavirus, in sperimentazione clinica già dal mese scorso. Il dottor Fauci ha elogiato la società e affermato che un vaccino è l’unico modo per assicurare definitivamente la fine del virus. Gates sta lavorando a diversi progetti di vaccino contro il coronavirus:

“I finanziamento della Fondazione Gates sostengono lo sviluppo del vaccino: la Inovio Pharmaceuticals della Pennsylvania ha ricevuto 9 milioni di dollari dalla Coalition for Epidemic Preparedness Innovations, sostenuto da Gates, per sviluppare un vaccino, INO-4800, che sta per testare sugli umani in tempi sospettosamente rapidi. Inoltre, Gates ha appena dato alla società altri 5 milioni di dollari per sviluppare un dispositivo intelligente per l’iniezione diretta del nuovo vaccino (!)”. I fondi della Gates Foundation tramite la Coalition stanno finanziando anche lo sviluppo di un nuovo metodo di vaccino radicale noto come RNA messaggero o mRNA.
Gates cofinanzia inoltre la società biotecnologica di Cambridge (Massachusetts), la Moderna Inc., assieme al National Institute of Allergy and Infectious Diseases, parte del National Institutes of Health (NIH). Il capo del NIAID è il dottor Anthony Fauci, l’incaricato della lotta contro il coronavirus dall’amministrazione Trump. Quel che è curioso riguardo al vaccino della Moderna di Fauci-Gates, mRNA-1273, è che è stato lanciato nel giro di poche settimane, non anni, e il 24 febbraio è andato direttamente al NIH di Fauci per test su cavie umane, non topi.
Aggiungete che la Gates Foundation e altre entità a essa correlate costituiscono i maggiori finanziatori dell’OMS, e che il suo attuale direttore, Tedros Adhanom, il primo non medico nella storia dell’agenzia, ha lavorato per anni sull’HIV con la Gates Foundation quando era Ministro in Etiopia”

Secondo quanto dichiarato da Fauci, “giungere già nella prima fase di prova a tre mesi dall’ottenimento della sequenza è senza dubbio un record mondiale, nessuno è mai stato così veloce”.  Tuttavia non è affatto sicuro che la risposta di Moderna sia la soluzione, nonostante Fauci sia assolutamente certo che l’unico mezzo per spegnere i focolai d’infezione sia un vaccino. Moderna produce farmaci con molecole di RNA per riprogrammare le cellule del corpo. Attualmente, la sua tecnologia genetica non ha ancora creato un vaccino per l’uomo.

Il primo studio sul vaccino avrà luogo presso il NIAID. Se ha esito positivo, un secondo studio verrà fatto su centinaia di persone. In attesa dei risultati di studi e protocolli, il vaccino potrebbe non essere disponibile fino al prossimo anno, ha affermato sempre Fauci.

Riguardo alla società di cui sopra, la Moderna Therapeutics, il CEO Stéphane Bancel ha dichiarato

“di aver ricevuto una sovvenzione iniziale di 20 milioni di dollari dalla Bill & Melinda Gates Foundation per sviluppare una nuova combinazione di terapie anticorpali basate su RNA messaggero orientate alla prevenzione dell’infezione da HIV. La sovvenzione è destinata all’uso nello studio preclinico della combinazione di anticorpi e in uno studio clinico di fase I. Il finanziamento di 20 milioni di dollari della Gates Foundation potrebbe potenzialmente trasformarsi in 100 milioni di dollari in totale. La missione della fondazione di aiutare tutte le persone a condurre una vita sana e produttiva è ben allineata con la missione di Moderna di creare nuovi farmaci attraverso la scienza trasformativa dell’mRNA di portare nuovi farmaci ai pazienti”.

Veniamo però al cuore dei rapporti tra Fauci e Gates: “È molto bravo a non fare troppe promesse”, ha detto Gates di Fauci nel 2018 mentre lavorava sempre su un vaccino antinfluenzale universale. Nei verbali del NIAID del 2019  un seminario della Gates Foundation è indicato come “interessante”. Gates ha incontrato Fauci nel 2017 “per discutere di opportunità di ricerca sulla salute globale”. Nel 2010, Fauci è stato nominato membro del consiglio direttivo della Decade of Vaccines, istituita da OMS, NIAID, UNICEF e naturalmente la Fondazione Bill e Melinda Gates. Nell’ottobre 2017 a Washington Fauci ha tenuto il discorso di apertura del meeting The Challenge of Pandemic Preparedness, nell’ambito del progetto Grand Challenges, sempre legato alla Bill and Melinda Gates Foundation.

Gates ha ammesso di aver messo in campo ogni iniziativa per bloccare la Commissione per la sicurezza dei vaccini presieduta da Robert Kennedy Jr. e voluta da Trump.

Nell’ottobre 2019 Fauci ha annunciato una partnership con la Fondazione Gates, garantendo alla sua agenzia altri 100 milioni di dollari di finanziamenti: “Il National Institutes of Health (NIH) ha annunciato di voler investire almeno 100 milioni di dollari nei prossimi 4 anni per sviluppare terapie geniche per HIV e anemia falciforme”. Il direttore del NIAD ha dichiarato che “questa collaborazione è un passo ambizioso, perché utilizza gli strumenti scientifici più all’avanguardia e l’imponente infrastruttura di ricerca globale sull’HIV per trovare una cura e porre fine a questa pandemia globale”.

Infine, va aggiunto che Fauci è un ammiratore di Hillary Clinton,

e ha ottime entrature nei circoli elitari internazionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.