Il bitcoin è contrario alla legge ebraica

Bitcoin Is Not Currency, According to Jewish Law
(Vice, 31 luglio 2016)

Come se il concetto di “bitcoin” non ci avesse già dato molti grattacapi, ora salta fuori che secondo la legge ebraica non sarebbe nemmeno una valuta kosher. Un ebreo ortodosso praticante non può dunque considerare in alcun modo il bitcoin come denaro.

Quando la Torah e altri testi ebraici vennero stesi migliaia di anni fa, furono pensati non solo come guida spirituale, ma anche come guida pratica alla vita quotidiana, con regole e ragionamenti riguardanti quasi tutto, dai prestiti all’agricoltura, dalla dieta al matrimonio. Quindi, sebbene il bitcoin ovviamente non esistesse ancora quando tutte queste regole vennero formulate, non è una sorpresa che l’ebraismo abbia comunque qualcosa da dire sulla valuta digitale. Dopotutto, la sfida per l’ebraismo ortodosso moderno è capire come applicare i valori del vecchio mondo alle imprese del nuovo.

Secondo la legge ebraica, se qualcosa ha valore, può essere considerata valuta. Il Talmud, uno dei testi ebraici centrali, definisce la valuta come qualsiasi corso legale accettato dal governo o nel luogo in cui viene utilizzato per le transazioni.

I problemi sorgono quando si parla di interesse, come sottolinea il rabbino Yehuda Shurpin (del movimento Chabad-Lubavitch, uno delle correnti più importanti dell’ebraismo chassidico). La Torah afferma che gli ebrei non possono prendere in prestito da altri, né prestare denaro o merci, con interesse (detto anche “usura”). È consentito solo prendere in prestito e restituire la stessa quantità di merce, ma spesso i rabbini hanno proibito anche questa pratica, poiché il valore della merce potrebbe aumentare o diminuire rispetto al prestito originale. Se la merce viene presa in prestito, l’importo restituito deve essere equivalente al valore della merce presa in prestito; quindi, se si prende in prestito 2kg di mele a 5 dollari, questa cifra nel tempo può valere 1 kg o 3 kg di mele.

“Quando si tratta di valuta, tuttavia, si può semplicemente prendere in prestito e restituire la stessa quantità di denaro”, dice il rabbino. Tuttavia, secondo la legge ebraica, il bitcoin, come il denaro straniero, va considerato più una merce che una valuta. Dal momento che la legge ebraica definisce la valuta come “ciò che il governo sovrano ha dichiarato moneta legale del paese e/o viene generalmente accettata in un dato luogo per le transazioni”, ha scritto Shurpin, il bitcoin non può essere considerato tale. Non è infatti accettato da alcun governo come valuta, né è generalmente utilizzata in un dato luogo (e Internet non si qualifica come “luogo”).

“In pratica, ciò significa che se prendi in prestito bitcoin da qualcuno, devi restituire il valore dei bitcoin che hai preso in prestito, non dei bitcoin correnti”, ha detto Shurpin. Pertanto, sembra che il bitcoin sia più simile a una merce, e da qui sorge la questione dell’usura: dato che i rabbini la vietano tra ebrei, lo stesso può valere per i bitcoin.

Mentre i dettagli talmudici possono essere difficili da comprendere, gli ebrei secolarizzati non devono preoccuparsi affatto. Per molti ebrei e non ebrei, il bitcoin è ancora un modo più o meno kosher per scambiare denaro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.