Il compagno di cella di Epstein è stato trasferito un giorno prima del suo “suicidio”

Epstein’s Cellmate Was Transferred Out Day Before “Suicide°
(Paul Joseph Watson, “Summit News”, 12 agosto 2019)

Il compagno di cella di Jeffrey Epstein è stato trasferito il giorno prima del presunto “suicidio” del miliardario pedofilo, il che significa che non c’era alcun testimone

Che incredibile coincidenza! “Epstein avrebbe dovuto avere un compagno di cella”, riferisce Fox News, “ma la persona che doveva condividere la cella con Epstein è stata trasferita venerdì, un giorno prima della morte del 66enne.”

“Non è stato chiarito il motivo per cui sia stato trasferito né perché nessun altro sia stato mandato nella cella con Epstein.”

È stato anche rivelato che le guardie carcerarie che lavorano nella prigione non hanno controllato Epstein per “ore” prima del suo suicidio, nonostante fossero tenute a farlo ogni mezz’ora. Alcuni hanno affermato che l’eccesso di impegni a cui sono sottoposte le guardie sarebbe la causa della mancata sorveglianza di Epstein, ma negli ultimi ventun anni solo un altro detenuto era riuscito a suicidarsi.

Epstein è stato rimosso dalla sorveglianza anti-suicido alla fine di luglio, nonostante avesse tentato di togliersi la vita una settimana prima. Secondo alcuni rapporti, Epstein aveva avvertito le guardie e altri prigionieri che qualcuno stava cercando di ucciderlo.

Una fonte interna alla prigione ha anche affermato che Epstein sembrava di buon umore prima del suo presunto suicidio: “Non c’era alcun segnale che volesse ammazzarsi”, ha detto la fonte, “Da quello che ho potuto osservare, stava finalmente iniziando ad adattarsi alla prigione. Penso che in parte trovasse una consolazione nello stile ‘spartano’ della sua nuova vita”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.