Il coronavirus si diffonde con le scoregge

Coronavirus ‘could be spreading across the globe through farts’ claim doctors
(Daily Star, 11 aprile 2020)

Secondo gli esperti, il micidiale coronavirus potrebbe diffondersi in tutto il mondo anche attraverso le scoregge. I test effettuati all’inizio del 2020 hanno dimostrato che il virus è presente nelle feci di oltre la metà dei contagiati.

I medici avevano precedentemente segnalato che le scoregge contengono minuscole particelle di feci che possono diffondere batteri. A loro parere andavano condotte ulteriori ricerche per acclarare la trasmissione della malattia alle persone attraverso i gas corporei.

Un medico britannico, noto al grande pubblico come presentatore della serie televisiva Operation Ouch, ha sollevato la questione su Twitter citando il collega australiano Andy Tagg, i cui interventi ha definito “una piacevole discussione su come una scoreggia possa causare il coronavirus”.

Nei suoi tweet il dottor Tagg ha citato i test effettuati all’inizio di quest’anno, che mostravano che il 55% dei pazienti con SARS-CoV-2 presentava tracce del virus nelle feci: “Il coronavirus può essere rilevato nelle feci ed è stato in effetti trovato in un individuo asintomatico diciassette giorni dopo l’esposizione”.

Il medico ha aggiunto che altri testi hanno dimostrato che le scoregge possono “spruzzare” materiale per lunghe distanze.

Nel 2001 il medico australiano Karl Kruszelnicki e il microbiologo Luke Tennent hanno condotto un esperimento per vedere se le scoregge possono diffondere malattie. Il dottor Tennent ha chiesto a un collega di scoreggiare su due piastre di Petri a una distanza di cinque centimetri, prima con indosso i pantaloni e poi senza. In tal modo ha potuto rilevare che mentre la prima piastra è rimasta “pulita”, nella seconda sono sorti batteri durante la notte, seppur non dannosi.

All’inizio del 2020 le autorità sanitarie cinesi hanno rassicurato che i pantaloni rappresentano una barriera efficace contro le scoregge che potrebbero trasportare il nuovo coronavirus, definendo improbabile che i venticelli potessero trasmetterlo (sempre a condizione che si indossino i pantaloni).

Le stesse autorità tuttavia avvertivano che che se il paziente infetto non indossava i pantaloni e rilasciava una grande quantità di gas, allora qualcun altro avrebbe potuto essere a rischio inalandolo.

Il dott. Tagg ha aggiunto: “Forse SARS-CoV-2 può essere diffuso attraverso il potere delle scoregge, anche se abbiamo bisogno di più prove. Ricordate però sempre di indossare dispositivi di protezione individuale adeguati e fare molta attenzione!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.