In Memoriam Roger Scruton

Se ci fate caso, di Thomas Stearns Eliot si celebra regolarmente l’anno di morte, non quella nascita: vorremmo crederla un’allusione a Little Gidding, l’ultimo dei Quattro Quartetti

We are born with the dead:
See, they return, and bring us with them.
The moment of the rose and the moment of the yew-tree
Are of equal duration. A people without history
Is not redeemed from time, for history is a pattern
Of timeless moments. So, while the light fails
On a winter’s afternoon, in a secluded chapel
History is now and England.

In questi versi, secondo il filosofo Roger Scruton venuto a mancare oggi, è racchiuso il senso di qualsiasi “conservatorismo” (cfr. Manifesto dei conservatori, 2007, p. 236).:

«Quei versi ci riportano alla convinzione che è il nucleo del conservatorismo moderno, alla credenza nel contratto à la Burke tra i vivi, i defunti e chi non è ancora nato; e, come Burke, sottintendeva, solo chi ascolta la voce di chi non c’è più è in grado di proteggere chi non è ancora venuto al mondo. La complessa teoria della tradizione proposta da Eliot dà senso e forma questa idea, poiché rende chiaro che la cultura […] è depositaria di un’esperienza che è al contempo in un luogo e ovunque, presente e senza tempo; è l’esperienza di una comunità santificata dal tempo. […] Solo in una comunità religiosa tali momenti fanno parte della vita quotidiana: per noi, nel mondo moderno, religione e cultura devono essere conquistate con un’opera di sacrificio, dal quale tutto dipende» 

R.I.P.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.