India: quote rosa in miniera

Dopo l’incredibile successo su Twitter dell’hashtag #quoterosainminiera, che invita a ripensare la partecipazione femminile ai cosiddetti “lavori usuranti” fuori dagli schemi, ci giunge una notizia dall’India di ormai due anni fa che per noi diventa tuttavia una vera e propria breaking news perché l’abbiamo scoperta ora: il governo di Nuova Delhi ha finalmente consentito alle donne di andare a lavorare in miniera.


È importante osservare che l’iniziativa è partita dalle donne stesse: “Numerosi gruppi di lavoratrici dipendenti e dell’industria, nonché di studentesse hanno chiesto al governo di offrire loro pari opportunità anche nel campo minerario“, ha dichiarato il Ministro del Lavoro indiano, che emendando i provvedimenti del 1952, nei quali la partecipazione femminile alle attività minerarie veniva fortemente limitata, ha concesso a tutte le donne di “lavorare nelle miniere sia sotterranee che a cielo aperto, sia di giorno che di notte”.

Già nel 2016 i sindacati avevano fatto pressione sul governo per modificare le leggi esistenti, per allineare il mercato del lavoro alle “nuove realtà” del mutato “scenario socio-economico”.

I proprietari ora potranno servirsi della collaborazione le appartenenti al gentil sesso dalle 19 di sera alle 6 del mattino, anche se al momento potranno solo impiegarle in “attività tecniche, di supervisione e manageriali”.

In tal modo Nuova Delhi intende sopperire a una partecipazione femminile alla forza lavoro tra le più basse dell’Asia (27%), contro il 51% dell’Indonesia, il 58% del Bangladesh, il 64% della Cina e il 73% del Vietnam. I rappresentanti dell’industria mineraria sono infatti entusiasti dell’iniziativa:  “le quote rosa in miniera aumenteranno quasi sicuramente il tasso di partecipazione femminile alla forza lavoro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.