Notizie dal Pianeta Donna: chi fomenta veramente la cosiddetta “mascolinità tossica”?

Rimuginavo su tutte queste notizie di guardie carcerarie che si scopano i detenuti: la più eclatante è quella accaduta nel Canton Zurigo (secondina che fugge con stupratore seriale siriano) ma nel mondo il fenomeno si registra praticamente dappertutto. Singolare quanto accaduto in un carcere di Baltimora nel 2013: quattro guardie messe incinta dallo stesso detenuto.

Quattro guardie carcerarie a sono rimaste incinte dello stesso detenuto, e addirittura due delle donne si sono fatte tatuare il suo nome. Secondo l’accusa le agenti di custodia avrebbero hanno aiutato i membri della famigerata gang Black Guerilla a contrabbandare cellulari, marijuana e sigarette nella prigione e a fare migliaia di dollari. Il capo clan, Tavon White, avrebbe guadagnato 16.000 dollari in un mese da queste attività. Quattro agenti di polizia penitenziaria – Jennifer Owens, Katera Stevenson, Chania Brooks e Tiffany Linder – si sono fatte mettere incinta da White mentre era dietro le sbarre. La Owens si era fatta tatuare il nome di Tavon sul collo e la Stevenson sul polso.

Altra storia dal Galles settentrionale: una agente penitenziaria tra il 2017 e il 2018 ha fatto sesso con un tizio che ha investito e ucciso un uomo mentre fuggiva da un posto di blocco. La donna è stata condannata a 12 mesi di reclusione. Lo avrebbe fatto per “provare un brivido”.

Potete continuare le ricerche da soli, sorbendovi la morale antimaschile (la quale però implica che le donne siano facilmente manipolabili e suggestionabili). A me queste vicende tornano in mente ogni volta che una mi respinge con motivazioni che farebbero cadere le palle a un castrato. Il pensiero, corre, per esempio all’agente dell’FBI che ha sposato un terrorista dell’Isis:

Daniela Green, all’epoca 38 anni, era stata arruolata dall’Fbi per le sue conoscenze linguistiche ed era arrivata a ricoprire ruoli di grande importanza che le concedevano il più alto livello di accesso a informazioni e documenti delicatissimi. Le era stato affidato l’incarico di tenere d’occhio l’afrotedesco Denis Cuspert, conosciuto in Germania come il rapper Deso Dogg e in Siria come Abu Talha al-Almani, combattente dell’Isis. Ma la Green cominciò ad andare ben oltre i limiti della sua missione, arrivando ad allacciare una relazione virtuale con Denis, tramite un account Skype del terrorista ignoto allo Fbi. Il rapporto tra i due crebbe talmente tanto che la traduttrice decise, nel giugno 2014, di imbarcarsi per la Siria, dove sposò Denis Cuspert al quale rivelò di lavorare per lo Fbi e svelò tutti i segreti delle indagini che si stavano conducendo su di lui. Ma l’amore tra i due durò poco. La Green tornò presto negli Stati Uniti dove fu subito arrestata e condannata a due anni di carcere. Per l’enorme imbarazzo che la questione provocò l’Fbi ha cercato di insabbiare l’accaduto ed oggi Daniela è di nuovo libera. ‘Ero debole e non sapevo più come gestire la situazione, questa volta ho combinato un vero pasticcio‘ ha dichiarato la Green una volta tornata in Patria.

“Ho combinato un pasticcio” [I really made a mess of things], manco si fosse rotta un tacco delle scarpe mentre entrava in un sushi bar. La storia completa è stata raccontata dalla CNN, nel frattempo il rapper afro-tedesco è morto e adesso insegnerà agli angeli le sue sofisticate tecniche di seduzione.

Ci sono anche vicende di taglio diverso, come quelle di uomini condannati per i crimini più orrendi che in carcere trovano subito moglie e fidanzate (oltre a un codazzo di ammiratrici): senza parlare di casi eclatanti tipo Ted Bundy o Charles Manson, anche nel nostro Paese è una cosa che accade con una certa frequenza. Poco tempo fa avevo letto di un baby killer (ha ucciso a colpi d’ascia i genitori di un suo amico) che ha trovato la fidanzatina un attimo dopo esser stato arrestato. Una storia lacrime strappa, come si dice.

Sarebbe dunque obbligatorio formulare molti pensieri cattivi sulle donne, cosa che tuttavia ci viene impedita dal noto women-are-wonderful effect, in spagnolo el efecto Las mujeres son maravillosas: che le donne siano sempre e comunque “meravigliose” me lo sento ripetere ogni giorno (persino cinque minuti fa, letteralmente), da amici e nemici e da destra a sinistra, perché l’argomento è verboten soprattutto a livello politico. Non esiste alcuno spazio nel discorso pubblico per riflessioni di tal fatta: in ogni caso la colpa è in automatico degli uomini e chi sostiene il contrario è un mostro (ma non uno di quei mostri “scopabili” tipo serial killer e terroristi).

Di recente sono stato a diverse “conferenze” (diciamo così) che hanno toccato incidentalmente tali problemi: per esempio, ad una presentazione di una raccolta di temi di bulli e vittime edita da un “centro di recupero” o roba del genere, mi ha colpito il fatto che nei memoriali degli aguzzini scolastici in un modo o nell’altro emergesse la necessità di far colpo sulle ragazzine prendendosela con i più deboli e indifesi. Un cherchez la femme grande come una casa che naturalmente non mi sono sentito di evidenziare per non rovinare l’atmosfera così gaia (absit iniuria verbis) e benevola creatasi nell’uditorio.

Mi sono ritrovato al cospetto dello stesso dilemma in un’altra presentazione di un libretto su giovani e mafia, dal quale si evince, sempre “tra le righe” che una gratificazione immediata di cui godono i mafiosetti di qualsiasi parte d’Italia è di tipo sessuale. Ennesima “lettera rubata” sulla quale non ci è consentito ipotizzare alcunché: eppure il materiale su cui meditare non mancherebbe, considerando che nell’occasione è stato evocato il nome di Placido Rizzotto, la cui fidanzata si mise col mandante del suo omicidio (“Adesso è facile giudicarmi”, si giustificò, “ma la gente non conosce le rinunce e le sofferenze di una donna sola”).

Dovremmo dunque concludere che le prime fomentatrici della famigerata mascolinità tossica siano le “meravigliose” di cui sopra, e che il Pianeta Donna sia un luogo lugubre, miserabile e inospitale? Donna: mistero senza fine bello! Sarebbe bello poter mettere d’accusa solo i “cattivi” senza badare al sesso, ma la corda è stata tirata troppo e ormai appare necessario declinare qualsiasi cosa in termini di genere, paradossalmente proprio per poter uscire dal paradigma e rifondare il rapporto tra sessi secondo giustizia, o almeno uguaglianza.

Un commento su “Notizie dal Pianeta Donna: chi fomenta veramente la cosiddetta “mascolinità tossica”?

  1. La teoria LMS và dunque rivisitata con una bella D di dominace oltretutto e svergogna quel che prima si diceva giustamente ossia che il matriarcato sia un prodotto femminile ma appositamente il contrario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.