Perché ci sono così tanti pedofili di sinistra?

Why are so many leftists paedophiles?
(David Hilton, XYZ, 1 giugno 2018)

Una cosa che in questi giorni ti fa diventare razzista e sessista e “fobico” è notare i pattern. Una volta che hai iniziato a farlo, sei finito, sei colpevole di psico-reato. Il fatto è che sta diventando sempre più difficile negare il legame tra sinistra e pedofilia. Ora, è ovvio che la maggior parte delle persone di sinistra non sono pedofile, ma molti pedofili sono di sinistra. Scopriamo il perché.

Maestro di scuola e “crociato” radical chic, l’australiano Alex Gollan, un individuo che in questi anni ha ottenuto enorme visibilità mediatica, nel 2015 è stato condannato per pedofilia e possesso di pornografia infantile. A Gollan piaceva chiacchierare online con una sua allieva di nove anni, chiamandola “carina”, “bellissima” e usando altri epiteti controversi. A suo dire era solo un modo come un altro per apostrofare l’interlocutrice. La sua difesa per il possesso pornografia infantile invece è stata questa: “Sono stati i nazisti” (vedere, per credere, il sito ufficiale).

Gollan sembra quasi scandalizzato che la pedofilia sia ancora considerata in modo così negativo dall’opinione pubblica australiana: in effetti nei circoli che frequenta essa è divenuta ormai un orientamento sessuale al pari degli altri. I media mainstream da anni esprimono simpatia per la pedofilia: la CNN, il NY TimesSalonPsychology TodayVICEForbesJezebelEureka Streetthe AtlanticSalon (ancora!), Jewish Press e il Toronto Star hanno tutti pubblicato pezzi in favore di essa.

È chiaro che nella sinistra postmoderna ci sono alcuni individui che, se non pedofili, pensano almeno che ci sia troppa “intolleranza” nei confronti di tale “orientamento”. Noi invece la vediamo solo come una brutta china [slippery slope], se per esempio siamo già al punto in cui è considerato assolutamente normale che una bambina di quattro anni gattoni intorno a un uomo nudo in un’installazione “artistica”. O che i media insabbino la storia esplosiva degli stupri di massa compiuti da pakistan a Rotherham, il cui giro di prostituzione ha coinvolto circa 1400 ragazze britanniche minorenni per 16 anni, mentre la polizia chiudeva un occhio per evitare accuse di “razzismo”.

Negli Stati Uniti Anthony Weiner si è dichiarato colpevole per aver inviato foto che lo ritraevano nudo a una adolescente. Non è la prima volta che Weiner si mette nei guai. La sua ex-moglie Huma Abedin, collaboratrice intima di Hillary, poi vice capo del suo staff, poi capro espiatorio durante la campagna elettorale, aveva già perdonato le precedenti trasgressioni del maritino (almeno quelle note). Huma ha anche lavorato 13 anni per una rivista islamista pro-sharia, ha legami familiari con i Fratelli Musulmani e con i sauditi.

E non citiamo le email di John Podesta che contenevano prove sufficienti per giustificare un’indagine ufficiale [l’Autore si riferisce al famigerato “Pizzagate”, ndt]. Invece, Podesta ha ottenuto un posto d’onore sul blog di Jeff Bezos, il Washington Post. Le connessioni dell’élite americana tra sinistra e pedofilia vanno ben oltre la piccola palude di Hillary.

Lena Dunham, commediante di estrema sinistra, non solo ha ammesso di aver abusato di sua sorella quando era una bambina, ma ne ha parlato in toni espliciti nella sua autobiografia. Anche lei è rimasta scioccata dal fatto che le persone siano rimaste scioccate. Non riesce davvero a capacitarsi che tutto ciò possa apparire rivoltante a una persona decente.

[…]  Girano da anni voci sulla élite di pedofili che controllerebbe Hollywood. Nonostante le crescenti prove, non ci sono state accuse. La stessa Hollywood che ha protetto Roman Polanski dopo aver drogato e violentato una tredicenne continua a fingere che non ci sia nulla di sbagliato nella sua cultura.

Al di là di Hollywood (e Washington), anche figure di spicco della New Left anni ’60 furono pedofili dichiarati. Allen Ginsberg, ancora idolatrato nelle università di tutto l’Occidente, è stato a lungo membro e sostenitore della NAMBLA [North American Man / Boy Love Association]. I deviati dell’avanguardia della Nuova Sinistra, tutti predatori sessuali, operavano in una cultura libertina creata da pedofili come Alfred Kinsey […].

Lo stesso modello di pedofilia “elitaria e di sinistra” è presente nel Regno Unito. Solo negli ultimi anni sono state confermate le voci sull’ampiezza del Pedophile Information Exchange (PIE), un gruppo pro-pedofilia che ha operato dal 1974 al 1984 tra l’élite britannica. Il PIE aveva legami con politici e alti burocrati. Sebbene difesi da un accademico di estrema sinistra nel 2014 su “Conversation” (The Paedophile Information Exchange was a product of a different time and culture), i membri del PIE hanno commesso atti di pedofilia “su scala industriale”. Il PIE ha persino ricevuto fondi dal governo. Tutto ciò è avvenuto nel contesto della Gran Bretagna degli anni ’70, quella in cui lo stesso Primo Ministro (Ted Heath) era un pedofilo conclamato e alcuni dei più celebri uomini di spettacolo (Gary Glitter, Jimmy Saville e Rolf Harris) hanno potuto sfogare i loro istinti perversi per anni.

L’ideologia del PIE era parte della più ampia liberazione sessuale nella Swinging London, ovviamente orientata a sinistra. Come con Alex Gollan, le connessioni tra l’estrema sinistra e la devianza sessuale sono troppo chiare per essere ignorate. Il professore di New York che twitta sull’uccidere gli sbirri è un fanatico del sadomasochismo e del sesso di gruppo. Gli organizzatori delle rivolte “antifa” di Berkeley nel 2016 e 2017 hanno legami con la NAMBLA. Eccetera eccetera.

Tutto ciò ci riporta alla nostra domanda iniziale: perché? Dal nostro punto di vista, la sinistra è da sempre ossessionata alla trasgressione contro la moralità tradizionale. La sinistra moderna incarna lo spirito di ribellione, la mentalità di chi, sentendosi offeso dal mondo, si vendicherà distruggendone le basi morali. La sinistra è un culto di inversione morale.

Che si tratti della distruzione della proprietà, del matrimonio, dell’identità sessuale, la sinistra conduce al caos. […] Non sorprende che in particolare il marxismo occidentale generi inclinazioni pedofile: dopo tutto, è focalizzato sulla distruzione della cultura e della famiglia. È per questo che le società occidentali sono in guai seri […].

PS: Ho voluto tradurre ugualmente l’articolo, seppur “controverso”, sforbiciando qualche bufala e panzana di troppo, poiché esso pone comunque una questione che esiste e prima o poi andrà affrontata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.