Polizia inglese a dodicenne stuprata da gang di pakistani: “Sei una prostituta”

Gli agenti di polizia del West Midlands sono al centro delle polemiche per aver accusato una dodicenne vittima di stupro di gruppo di “mentire” sull’accaduto e di aver detto a sua madre che in realtà la ragazza si stava “prostituendo”.

“Avevo 12 o 13 anni quando mi sono recata con mia madre alla polizia per denunciare il primo stupro. Ma una agente di polizia mi ha accusato di mentire e questo mi ha distrutto”, ha raccontato la ragazza presa di mira da una banda di Walsall (dietro lo pseudonimo di Karen) a BirmingahLive.

Sua madre ha inoltre dichiarato ai media locali che ha dovuto “andare a prenderla alla stazione di polizia dopo che la ritrovavano, a volte anche in degli hotel”, e che gli agenti le continuavano a dire di credere che la figlia fosse una prostituta. “A quel punto mi sono cadute le braccia, perché stavamo parlando di una dodicenne”.

Questo è l’ennesimo episodio di disinteresse da parte della polizia, dei servizi sociali e di altre autorità britannica sull’annosa questione delle cosiddette “bande di stupratori” [grooming gangs], composte prevalentemente da immigrati pakistani che prendono di mira giovani inglesi della classe lavoratrice.

La polizia ha a lungo temuto di affrontare la questione, a causa del timore di essere bollata come razzista, e si è rifiutata di intervenire quando ragazze minorenni e giovani donne sono state sfruttate e violentate da decine di uomini con la motivazione che stavano facendo una “scelta di vita”, nonostante il fatto che i rapporti sessuali con minori e in particolare con minori di 13 anni rientrino in ogni caso nel penale.

La polizia delle West Midlands era a conoscenza del fatto che a Walsall operassero gang di stupratori: “Gruppi di questo tipo sono stati fermati a Walsall e Birmingham, zone che hanno anche la più alta concentrazione di comunità pakistane nelle West Midlands”, attesta un rapporto del 2012.

“Karen” a suo dire sarebbe stata snobbata anche dai servizi sociali, ai quali nel 2010 avrebbe richiesto aiuto senza alcun successo: “Dopo che gli stupri sono proseguiti, i servizi sociali nel 2012 hanno detto che mia madre e mio padre non erano in grado proteggermi e che è era colpa loro di quanto mi era accaduto”, ha aggiunto.

È stata quindi portata via dai suoi genitori e data in affido, ma gli abusi sono continuati: “Quegli uomini sono ancora là fuori e stanno ancora facendo le stesse cose che facevano con me, con le ragazze più giovani”, ha dichiarato a BirminghamLive.

In risposta alla vicenda, la polizia del West Midlands ha ammesso il “fallimento”, ma ha insistito sul fatto che “ci sforziamo sempre di mettere le vittime al centro di tutte le nostre indagini e siamo guidati dall’interesse della vittima”.

Nonostante le molteplici ammissioni secondo cui alle bande di stupratori pakistani sia stato permesso di operare quasi impunemente nel corso degli anni in molti paesi e città inglesi, non c’è un singolo ufficiale di polizia o politico locale che abbia subito alcuna conseguenza per tutto questo.

Fonte: Police told an alleged rape gang victim, 12, that she was “prostituting herself” (Breitbart, 17 marzo 2021).

2 commenti su “Polizia inglese a dodicenne stuprata da gang di pakistani: “Sei una prostituta”

  1. Le “femministe” hanno avuto qualcosa da commentare? O sono state zitte? L’importante è che poi non si faccia una giornata contro la violenza in cui si colpevolizzano tutti gli uomini, perchè ci sono anche uomini che vedrebbero volentieri un’esecuzione sommaria per i membri di queste bande, però vengono sistematicamente zittiti e accusati di fascismo, specialmente dalle femministe e dai mangina di turno. Che ci pensino loro ad amministrare la giustizia allora!
    W Duterte

  2. Meraviglioso signor Totalitarismo, ma su Facebook non torna più? I suoi post erano per me come acqua fresca nel deserto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.