“Questa non è una ca**o di Disneyland”: un uomo si ribella al minigolf in cattedrale

Riferisce l’Indipendent (This isn’t f****** Disneyland: Furious drunk man storms cathedral after crazy golf course installed in nave, court hears, 5 settembre 2019)  che un uomo di nome Micheal Feeney che ha dato in escandescenze per un campo da minigolf allestito dentro la Cattedrale di Rochester è stato denunciato per aggressione.

L’uomo, presumibilmente ubriaco, ha aggredito il cappellano (una donna) per quell’intrattenimento, a suo dire “vergognoso”, adibito nella navata dell’edificio del XIII secolo.

Il 67enne, che talvolta si reca nella cattedrale per pregare, ha urlato contro lo staff e i visitatori “Questa non è una cazzo di Disneyland, questa è una cazzo di cattedrale, vergogna!“.

Feeney si è riconosciuto colpevole di aggressione e oltraggio al pudore, dichiarandosi “estremamente dispiaciuto e pieno di vergogna” per l’incidente. Il suo avvocato, Ghulam Humayum, ha affermato che Feeney non si descrive come un fedele abituale, ma “ha capito che c’era qualcosa di sbagliato”. L’uomo è stato condannato a un anno con sospensione condizionale della pena e costretto a pagare 85£ di danni.

Circa 40 visitatori, compresi i bambini, si stavano godendo il campo da minigolf quel 3 agosto a mezzogiorno (una settimana dopo l’inaugurazione), quando Feeney ha iniziato a imprecare

La cattedrale di Rochester è una delle tante che in Inghilterra hanno voluto incentivare le visite estive con progetti insoliti. “La risposta al minigolf è stata sorprendente“, ha affermato il reverendo Nathan Ward. “È stato progettato per coinvolgere le persone del luogo, in particolare le famiglie, e accoglierle nel loro spazio comunitario”.

Ha aggiunto: “Le persone che hanno criticato l’evento probabilmente non hanno voluto sentirsi coinvolte. Quando si organizza qualcosa di nuovo, alcuni provano disagio, ma la risposta in generale è stata sicuramente positiva”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.