San Giovenale, primo martire d’America

St. Juvenaly – First Martyr of America
(Death to the World, 27 gennaio 2013)

Il santo, glorioso e vittorioso ieromartire Giovenale dell’Alaska, Protomartire d’America, faceva parte del primo gruppo di missionari ortodossi dal monastero di Valaam giunto a predicare la Parola di Dio tra gli abitanti nativi dell’Alaska. Fu martirizzato mentre evangelizzava gli eschimesi nel 1796. La sua festa si celebra il 2 luglio, ed è anche commemorato con tutti i santi dell’Alaska (24 settembre) e con i primi martiri della terra americana (12 dicembre).

Era nato nel 1761 a Ekaterinburg, in Russia, e si chiamava Jacov Govorukhin. Nella sua vita monastica fu tonsurato e gli fu dato il nome di Giovenale in memoria del Patriarca di Gerusalemme del V secolo. Dopo essere diventato monaco è stato successivamente ordinato diacono e poi sacerdote, diventando ieromonaco. Ha vissuto gran parte della sua prima vita monastica nell’area intorno al lago Ladoga, nel nord della Russia, vicino alla Finlandia, presso i monasteri di Konjaveskij e Valaam.

Nel 1793, un gruppo missionario di otto monaci si riunì presso il monastero di Valaam, vicino al lago Ladoga, per predicare la Parola di Dio ai nativi dell’Alaska. Questo gruppo di missionari era guidato dall’archimandrita Ioseph Bolotov e comprendeva quattro ieromonaci tra i quali Giovenale e Makary, un ierodiacono, Steven e due monaci laici, tra cui Herman. La loro destinazione era l’insediamento russo sull’isola di Kodiak nel Golfo dell’Alaska, a circa 8.000 miglia di distanza. Il gruppo arrivò sull’isola il 24 settembre 1794, trovandosi di fronte una scenario inaspettato. L’insediamento era primitivo e la violenza era all’ordine del giorno, al contrario di quanto gli era stato prospettato. La chiesa promessa non c’era, così come le provviste annunciate.

Mentre l’archimandrita Ioseph si occupava delle questioni relative al governo dell’insediamento con Baranov, Giovenale e gli altri iniziarono il lavoro missionario. In due anni il loro zelo aveva portato più di 12.000 abitanti dell’Alaska alla fede cristiana ortodossa. Lo fecero senza umiliare la loro precedente fede sciamanica, ma mostrando loro che il cristianesimo era l’adempimento di quella fede.

Mentre il gruppo continuava a predicare lontano dall’insediamento di Kodiak, Giovenale iniziò il lavoro missionario nella terraferma dell’Alaska nel 1796. Qui proseguì la serie di successi degli ultimi due anni battezzando centinaia di nativi (Chugach Sugpiag) e di indiani Athabaskan. Tuttavia, mentre continuava la sua missione a nord-ovest verso il Mare di Bering, egli sparì. Non esiste alcuna prova materiale della sua scomparsa, ma tra il popolo dell’Alaska se ne tramanda oralmente il martirio. Secondo la tradizione, quando si spostò nel territorio abitato da eschimesi, alcuni di essi non ne capirono i gesti mentre si faceva il segno della croce. Uno sciamano yupiat, indispettito, ordinò di attaccare lo ieromonaco, che fu ucciso da lance e frecce. Così Giovenale è diventato il primo martire ortodosso nelle Americhe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.