Senatore americano Jeff Sessions: rilocalizzare le produzioni strategiche dalla Cina

Jeff Sessions, repubblicano di lungo corso e primo senatore a esprimersi a favore della candidatura presidenziale di Donald Trump nel 2016, ex procuratore generale coinvolto incidentalmente nel famigerato “Russiagate”, il 7 aprile ha lanciato direttamente dal suo sito un coraggioso “piano strategico” per “affrontare il regime comunista in Cina”. I tre punti sono 1) indagine internazionale su quel che è successo davvero a Wuhan; 2) rinazionalizzazione e rilocalizzazione delle filiere strategiche dalla Cina agli Stati Uniti; 3) Taglio dei fondi alla “corrotta” Organizzazione Mondiale della Sanità.

Se il primo e il terzo punto sono stati già adempiuti, da una parte con le “soffiate” al Washington Post sul famigerato laboratorio di Wuhan e dall’altra con la decisione di Trump di tagliare 400 milioni (un decimo del suo bilancio) all’Agenzia Onu per la salute per aver fallito nella gestione della pandemia, è sul secondo che vogliamo concentrarci, perché è quello che interessa non solo tutti i Paesi occidentali, ma anche alcune nazioni orientali come il Giappone (che ha offerto appunto incentivi per la “rilocalizzazione” dalla Cina).

Come scrive il senatore sul suo sito web,

“Gli Stati Uniti sono esposti in modo critico perché siamo troppo dipendenti dal governo comunista cinese e da altre nazioni straniere per le nostre medicine e attrezzature mediche. Il Partito Comunista Cinese oggi controlla la produzione e l’offerta di troppi beni e materiali che sono fondamentali per la sicurezza nazionale americana e la salute pubblica dei nostri cittadini. La pandemia del virus Wuhan lo ha innegabilmente chiarito: non possiamo garantire la sicurezza nazionale o salvaguardare la salute pubblica se continuiamo a fare affidamento su nazioni come la Cina per medicine, maschere, guanti o altre attrezzature salvavita.

“Questo deve finire. Un principio fondamentale per ripristinare le nostre relazioni con la Cina è questo: Se ne abbiamo bisogno qui, dobbiamo essere in grado di produrlo qui.

“Per troppo tempo, i governanti hanno consentito che le nostre catene di approvvigionamento strategiche cadessero in preda alle manipolative politiche commerciali e all’espansione militare del governo comunista cinese, le quali ci sono costate il controllo dei nostri farmaci, tecnologia, infrastrutture critiche e altri importanti sistemi e materiali che sono fondamentali per la nostra sicurezza nazionale. Tutto questo deve finire immediatamente!

“La crisi ci ha rivelato il pericolo che  rischiamo di correre: non metteremo la salute e la sicurezza degli americani in balia del brutale Partito Comunista che controlla Pechino.

“Questo è il motivo per cui il secondo punto del mio piano Betting on America prevede che gli Stati Uniti ripristino immediatamente le nostre capacità di produzione di attrezzature mediche e salvavita. Solo lo scorso anno, abbiamo importato circa 150 miliardi di dollari in farmaci e 45 miliardi di dollari in attrezzature mediche. In alcune categorie, abbiamo completamente smesso di produrre attrezzature e farmaci importanti per noi stessi. Ad esempio, le fabbriche negli Stati Uniti hanno smesso del tutto di produrre antibiotici generici.

“Dobbiamo attuare una politica all’insegna del Buy American in modo che almeno il 75% di tutti i medicinali, attrezzature mediche e forniture mediche acquistate con dollari federali sia prodotto negli Stati Uniti. Tutte le agenzie federali, compreso il Dipartimento della Difesa, il Dipartimento per gli affari dei veterani, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie e i Centri per i servizi Medicare e Medicaid e Medicaid devono acquistare farmaci, maschere, guanti e altro materiale di fabbricazione americana.

“Il presidente Trump ha già iniziato ad adottare misure forti ed efficaci che hanno migliorato la posizione commerciale degli Stati Uniti nei confronti della Cina e aumentato le nostre esportazioni agricole. Questo è un buon inizio.

“Come ha affermato recentemente il consigliere economico del presidente Trump, Peter Navarro, in una conferenza stampa della Casa Bianca,” Mai più dovremmo fare affidamento sul resto del mondo per le nostre medicine e contromisure essenziali “.

Consigliere economico di Trump: la crisi farà più vittime del coronavirus

“L’America non ha bisogno di isolarsi completamente dall’acquisto di prodotti medici internazionali. E sappiamo che la vera minaccia è il Partito Comunista Cinese, non il popolo cinese. Dobbiamo però mantenere una catena di approvvigionamento americana e assicurarci di avere la capacità di fabbricare noi stessi i prodotti quando la produzione internazionale è minacciata o insufficiente. Mandando in America la fornitura di forniture mediche acquistate a livello federale, garantiremo l’esistenza di una capacità produttiva americana disponibile in tempi di crisi. Quando spendiamo dollari dei contribuenti americani, dovremmo prima cercare prodotti fabbricati in America, realizzati da lavoratori americani.

“La nostra eccessiva dipendenza dalla Cina è fuori dubbio. Più del 90% di tutti i nostri antibiotici, vitamina C, ibuprofene (Advil generico) e oltre il 70% del nostro paracetamolo (Tylenol generico) sono prodotti in Cina. L’80% delle nostre maschere per uso medico sono realizzate in Cina. E questo è solo l’inizio.

“Chiaramente, la Cina non può essere attendibile, come è emerso ancora negli ultimi mesi: Spagna, Turchia e Repubblica Ceca hanno dovuto scartare centinaia di migliaia di kit di test prodotti in Cina perché difettosi e inaffidabili; centinaia di migliaia di maschere mediche prodotte in Cina sono state recentemente rimandare al mittente dai Paesi Bassi perché i loro filtri non funzionavano come previsto, nonostante avessero un certificato di controllo di qualità dalla Cina; mentre la Cina occultava l’epidemia a Wuhan, una società immobiliare appoggiata dal governo cinese in Australia e in altri Paesi ha acquistato segretamente più di tre milioni di maschere chirurgiche, centinaia di migliaia di guanti e quantità industriali di disinfettante per le mani, salviette per la pulizia e altri rifornimenti essenziali per rispedirli in Cina prima che chiunque altro conoscesse l’entità della minaccia del virus di Wuhan.

“Nel mezzo dell’epidemia, il governo comunista cinese ha effettivamente nazionalizzato molti impianti di produzione, compresi quelli di compagnie americane, impedendo l’esportazione di maschere mediche negli Stati Uniti e altrove, rivendicandole tutte per sé.

“Un articolo dell’agenzia di stampa statale cinese Xinhua ha annunciato che la Cina è in grado di imporre ulteriori controlli sulle esportazioni di farmaci negli Stati Uniti e ‘lasciarci affogare nel mare del coronavirus’.

“Sappiamo da tempo che stavamo perdendo il nostro vantaggio manifatturiero in Cina, poiché le loro pratiche commerciali sleali e le tattiche disoneste hanno attirato le catene di approvvigionamento del business a spese della nostra sicurezza nazionale. Questa pandemia è un campanello d’allarme che non può continuare. Minaccia la nostra sicurezza, la nostra economia e il benessere dei cittadini americani.

“Sebbene non possiamo sapere cosa riserva il futuro con le nostre relazioni con la Cina, l’obiettivo della pace e della prosperità non sarà promosso da una politica degli Stati Uniti che non risponde in modo aggressivo a ogni pratica illegale e ingiusta di questo regime. Una relazione solida e a lungo termine non può essere fondata su tali pratiche”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.