Trump è meglio di Diocleziano

Trump non è Hitler, o Cesare, ma l’autocrate Diocleziano, che pose fine alla stagnazione e al declino del III secolo, ricostruì l’Impero in forma di Tetrarchia, spostò la capitale, riformò le tasse e la valuta, ampliò l’amministrazione civica. Questo è il vero destino di Trump.

Lincoln è il Cesare americano. Bernie Sanders è Pertinace, il “vecchio saggio” impotente che regna per 86 giorni, apre ufficialmente l’anno dei cinque imperatori e pone fine alla stabilità della dinastia Nerva-Antonina. Trump è senza dubbio Diocleziano.

Augusto diede vita il principato, governando attraverso il Consilium Principis. Diocleziano lo rimpiazzò col Consistorium, assumendo un controllo autocratico, proprio come Trump opta per l’autocrazia cacciando i membri poco leali della sua amministrazione.

Diocleziano tagliò fuori Roma dai giochi e adottò una capitale mobile che si spostava con lui (spesso fu Milano), proprio come Trump usa Mar-a-Lago e i suoi resort e hotel. Alla fine Diocleziano ridimensionò anche la Guardia Pretoria, che da tempo aveva assassinato e favorito imperatori, proprio come la CIA.

La tetrarchia fallì rapidamente, arrivò Costantino e l’Occidente cadde. Dopo la tetrarchia trumpiana, cosa verrà? Ghetti bizantini nel New England? Città-stato tecno-feudali in mano alle corporation? Un nuovo medioevo in occidente? L’invasione barbarica delle gang messicane?

2 commenti su “Trump è meglio di Diocleziano

  1. Chi ha scritto questo articolo dovrebbe prima studiare un po’ di storia romana. Mamma mia le sciocchezze che scrive…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.