Un anno fa la Catalogna proclamava l’indipendenza

La Catalogna ha dichiarato l’indipendenza

Un anno fa la dichiarazione d’indipendenza della Catalogna: di seguito alcuni articoli del blog dedicati alla questione catalana (gli altri li trovate qui), con in coda una citazione di Alberto Arbasino sugli “altrui secessionismi” idolatrati dalla gauche caviar che offre parecchi spunti di discussione.

Fermare il golpe. In difesa della democrazia costituzionale in Catalogna

Mazzini in Catalogna

Morire per la Catalogna?

I catalani a lezione dagli sloveni

La fine d’Europa tra redenti e irredenti

La Catalogna e il “patto civile europeo”

La proiezione internazionale della Catalogna

La crisi catalana come crisi della mediazione

Eros e magia nella Catalogna indipendentista

Gli zingari catalani contro l’indipendentismo

«Quando si parla degli irlandesi, dei baschi, degli slovacchi, degli sloveni, degli albanesi, dei macedoni, dei bosniaci, e di tutti gli altri, le polemiche sui secessionismi (ogni Paese ha i propri, in cui si rispecchia) si svolgono con severità, serenità, accoratezza.
Parrebbe scorretto fare gli smorfiosi o gli snob sui difetti etnici altrui. Non sono mica “italioti”. Ma quale politicamente chic userebbe termini tipo “italioti” e giudizi altezzosi (come sull’ignoranza e goffaggine rustica e barbara dei lombardi e dei veneti), trattando di qualunque irredentismo balcanico o palestinese o “negro”? (Scambiare gli aggettivi giornalisti correnti fra Bossi e Arafat?…).
Eppure i programmi irredentistici e localistici e scolastici e fiscali dei veneti sono sostanzialmente identici a quelli zapatisti del famoso Chiapas. Solo un “look” più o meno suggestivo li distingue.
Ma se adesso tutta la sinistra internazionale alla moda, avendo esaurito i pellegrinaggi a San Cristóbal de las Casas, decidesse che la località “in” di quest’anno potrebbe essere Noventa di Piave (anche in omaggio al grande poeta dialettale “da rivalutare” Giacomo Noventa), e magari scoprendo che per il gusto francese dell’Altro sono “adorables, remarquables, formidables” proprio quei tipi caratteri folk che gli italiani politicamente chic trovano abominevoli?»

(Alberto Arbasino, Paesaggi italiani con zombi, Adelphi, Milano, 1998, pp. 88-89)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.