Una fatwa celebra la diffusione del coronavirus in Cina

Jihadi Clerics Issue Fatwa Permitting Muslims To Celebrate Spread Of Coronavirus In China, Accuse China Of ‘Exporting’ Coronavirus To East Turkestan
(Memri, 28 gennaio 2020)

Il 23 gennaio 2020, l’imam siriano Abd Al-Razzaq Al-Mahdi ha emesso una fatwa che consente ai musulmani di celebrare la diffusione del Coronavirus in Cina e di pregare Allah affinché annienti il popolo cinese.

Al-Mahdi è un eminente chierico, molto rispettato dalle fazioni jihadiste e noto per i suoi sermoni e fatwe, in cui incoraggia i musulmani a prendere parte alla jihad e a compiere attacchi terroristici contro la Russia. Secondo il suo account Twitter, che ha più di 11 mila follower, Al-Mahdi è di Damasco e si definisce “non affiliato a nessun gruppo o partito”. Al-Mahdi è anche attivo su Telegram con un canale di oltre 11 mila abbonati.

La fatwa, che è stata pubblicata sul canale Fatwas from the Land of Sham di Telegram, risponde a una domanda posta da un certo Muhammad Abu Nassir, che ha chiesto: “È lecito esprimere la nostra gioia per ciò che sta subendo la Cina, il coronavirus e la morte di cinesi?”. Al-Mahdi ha risposto: “Sì, sicuramente dobbiamo esprimere la nostra gioia e pregare per il loro annientamento. Loro [i cinesi] hanno dichiarato guerra e hanno ucciso, massacrato, imprigionato e oppresso gli uiguri e i musulmani non uiguri. Sono nemici di Allah, sono buddisti e comunisti. I cinesi non musulmani sono buddisti o comunisti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.