Nel 2008 i virologi di Wuhan hanno combinato il coronavirus con l’aids per renderlo trasmissibile all’uomo

Chinese Virologists combined HIV/AIDs & Coronavirus in 2008 – did China just attack the World?
(Nye Bevan News, 9 marzo 2020)

Da un articolo del 2008 dell’Istituto di virologia di Wuhan trovato con una ricerca su Google: Differenza nell’uso dei recettori tra il coronavirus della sindrome respiratoria acuta grave (SARS) e coronavirus simile alla SARS originata dal pipistrello.

“In questo studio, abbiamo analizzato l’uso del recettore di SL-CoV S combinando uno pseudovirus basato sul virus dell’immunodeficienza umana con linee cellulari che esprimono le molecole ACE2 di pipistrelli umani, zibetto o pipistrelli ferri di cavallo [Rhinolophus]”

I virologi cinesi hanno messo alcuni segmenti di Aids in un coronavirus per testarne gli effetti sull’uomo?

Dallo studio:

“In primo luogo, SL-CoV S non è stato in grado di utilizzare nessuna delle tre molecole ACE2 come recettore. In secondo luogo, il SARS-CoV S non è riuscito a penetrare nelle cellule del pipistrello ACE2. In terzo luogo, l’S chimerico che copre il dominio di legame del recettore precedentemente definito ha acquisito la capacità di entrare nelle cellule tramite l’ACE2 umano, sebbene con diverse possibilità a seconda dei costrutti. In quarto luogo, una regione di inserto minima (amminoacidi da 310 a 518) è risultata sufficiente per convertire SL-CoV S dal legame non ACE2 al legame umano ACE2, indicando che SL-CoV S è ampiamente compatibile con SARS-CoV proteina S ​​sia nella struttura che nella funzione. “

Il passaggio in sostanza afferma che il Coronavirus simile alla SARS (un virus diverso dal ceppo virale SARS del 2000) che avevano scoperto nei pipistrelli non era trasmissibile all’uomo a causa del fatto che non si legava al recettore ACE2, ma che attraverso un inserimento minimo del genoma dell’HIV era possibile farlo legare al recettore ACE2 umano e non solo ai recettori dei pipistrelli.

Il risultato potrebbe essere un coronavirus simile alla SARS ma diverso da quello che stiamo vedendo in questo momento, ma il risultato è lo stesso, considerando che l’infezione dei pipistrelli non era direttamente trasmissibile agli esseri umani e che l’Istituto di virologia di Wuhan era in grado di progettare un ceppo umano trasmissibile con l’inserimento del DNA dell’HIV attraverso solo una piccola porzione di SL-CoV S.

Lo studio rivela anche che il coronavirus SARS umano (responsabile dell’epidemia di SARS in Cina più di un decennio fa) non è trasmissibile ai pipistrelli. Ciò significa che il coronavirus simile alla SARS originariamente trovato nei pipistrelli -e successivamente sperimentato- è una malattia separata ma probabilmente correlata.

Questo solo nei primi paragrafi, ma c’è molto altro da scavare: su Google scholar sono disponibili decine di studi CoV tutti realizzati in Cina, la maggior parte dei quali si concentrava sul fatto che i pipistrelli fossero i depositi naturali del virus e sui meccanismi di trasmissione tra gli umani.

Non è complottismo: il virus attecchisce solo nei pipistrelli e l’epidemia di SARS 2002-2003 in Cina probabilmente ha avuto origine in una popolazione di pipistrelli che ha poi trasmesso il virus a un animale intermedio prima di infettare gli umani. A causa di ciò, è del tutto naturale esaminare ogni ceppo di CoV nei pipistrelli e la possibilità di trasmissione umana.

Ciò che preoccupa è la facilità con cui è possibile progettare una tale varietà, nonché il modo in cui i cinesi abbiano usato l’HIV per creare il virus chimera.

Un commento su “Nel 2008 i virologi di Wuhan hanno combinato il coronavirus con l’aids per renderlo trasmissibile all’uomo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.