Per Al Jazeera gli ebrei hanno creato il porno e odiano Gesù

Al-Jazeera claims Jews created, control porn industry, hate Jesus Christ
(Jerusalem Post, 2 novembre 2019)

Midan Voice, un podcast di Al Jazeera dedicato al pubblico più giovane, nella sua diretta più recente ha discusso del ruolo ebraico nell’industria del porno, come ha riportato il Middle East Media Research Institute (MEMRI) traducendo lo spezzone incriminato.

La trasmissione ha affermato che nel 2016 la Knesset ha approvato un disegno di legge per bloccare i siti porno in tutto il Paese perché pericolosi per i minori, un provvedimento che ha suscitato la domanda del conduttore: “Come mai gli ebrei vietano la pornografia nel loro Paese quando sono stati i primi a promuoverla?”.

Secondo Midan Voice, ogni volta che qualcuno cerca di presentare “la verità sul ruolo degli ebrei nel porno”, viene censurato con la scusa dell’antisemitismo. Il programma ha sostenuto anche che “l’ideatrice delle linee erotiche è stata Gloria Leonard, la quale durante la sua carriera porno si è sempre presentata come una brava ragazza ebrea dai sobborghi di New York”.

Nel programma si è anche parlato della rivista Playboy e dell’influenza che gli ebrei hanno avuto su di essa sin dalla fondazione, nonché delle pornostar di origine ebraica, tra le quali “l’ebreo americano Ron Jeremy, noto come la leggenda del porno” e “Steven Hirsch, un ebreo di 57 anni”, noto come il “Donald Trump del porno”.

Il programma ha infine concluso che il porno è stato creato come mezzo per “lordare” il cristianesimo. “Quando [al produttore porno ebreo Al Goldstein] è stato chiesto perché gli ebrei dominano l’industria del porno, egli ha affermato apertamente che ‘l’unica ragione per cui noi ebrei siamo nel porno è che odiamo Cristo'”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.