Disintossicarsi dagli ansiolitici a Belgrado

La scrittrice Lily Lynch racconta al Guardian come è riuscita a superare la dipendenza da ansiolitici: andando a Belgrado… Come ha commentato lo storico Peter Nimitz: “Ottimo suggerimento per una clinica di riabilitazione: deportare i tossicodipendenti a Belgrado per un mese. Non saranno in grado di parlare la lingua e acquistare nuovi farmaci. In tal modo dovrebbero guarire completamente prima del loro ritorno negli Stati Uniti.

Now I’ve quit benzodiazepines, this year will be the first I can remember for a decade
(Lily Lynch, Guardian, 30 dicembre 2020)


Ricordo poco degli ultimi nove anni. E quel che ricordo è confuso, come se fosse nelle profondità marine, o come se i miei ricordi non fossero del tutto miei. Tutto prima di quel momento rimane perfettamente intatto. Ricordo la strada in cui vivevo a San Francisco un decennio fa, ma degli ultimi cinque anni non ricordo quasi alcun dettaglio. È stato solo negli ultimi mesi di quest’anno, durante la pandemia, che ho iniziato a riacquistare chiarezza.

Il colpevole è la benzodiazepina, i farmaci più popolari per il trattamento dell’ansia. Ho assunto benzodiazepine ogni giorno per nove anni e nella seconda metà di quel periodo ho anche bevuto. Le benzodiazepine come clonazepam (Klonopin), diazepam (Valium) e alprazolam (Xanax) sono note per essere tra i farmaci che danno maggior assuefazione, con gravi sintomi di astinenza dopo appena un mese. L’uso a lungo termine delle benzodiazepine, con cui si intende una cura di oltre sei mesi, provoca un deterioramento cognitivo e può causare amnesia anterograda, in cui si perde la capacità di immagazzinare nuovi ricordi.

La cosa più preoccupante è che questi effetti amnesici consolidati, così come il declino cognitivo in altre aree, non diminuiscono quando si smette di prendere i farmaci. Anche un anno dopo la sospensione delle benzodiazepine, gli ex consumatori a lungo termine dimostrano ancora “compromissione significativa in molte aree della cognizione, ad esempio memoria verbale, velocità psicomotoria, velocità di elaborazione, restazione motoria, elaborazione visuospaziale, intelligenza generale, attenzione/concentrazione, memoria non verbale”.

Le benzodiazepine non suscitano euforia; ti lasciano indifferente al mondo. Le benzo sono come il soma di Brave New World di Aldous Huxley: “Un grammo val meglio d’una maledizione”. Il tipo di oblio offerto dalle benzodiazepine è solitario, clinico, anestetico. I “piccoli aiutanti” non hanno il fascino di altre pillole e denotano ottusità, associati come sono alle due fasce di popolazioni invisibili alle quali sono maggiormente prescritte: gli anziani e le casalinghe. Anche i tassi di prescrizione per le benzodiazepine sono del 45% più alti nelle aree sottosviluppate dell’Inghilterra.

Dall’inizio della pandemia, l’ansia e l’uso di farmaci per combatterla sono aumentati. Nel Regno Unito, l’Ufficio per le statistiche nazionali ha rilevato che tra il 20 e il 30 marzo 2020 “quasi la metà (49,6%) delle persone ha riportato un’elevata ansia”. A novembre, la percentuale di adulti che hanno sperimentato ansia era del 17%, ancora ben al di sopra dei livelli pre-pandemici. Negli Stati Uniti, un rapporto pubblicato da una società sanitaria ha affermato che il numero di prescrizioni di ansiolitici è aumentato del 34% da metà febbraio a metà marzo. Il Global Drug Survey, il più grande sondaggio annuale sulle droghe al mondo, ha riportato risultati simili, con il 34% degli intervistati in tutto il mondo che ammette che il proprio consumo di benzodiazepine è aumentato durante la pandemia.

Ci sono altri, tuttavia, che hanno affrontato la pandemia come un’opportunità di cambiamento irripetibile. Per certi versi, io sono una di costoro. Un giorno di settembre ho smesso di bere, fumare e consumare prodotti di origine animale e ho iniziato a ridurre gradualmente le benzodiazepine, tutto in una volta. Ora sono completamente libera dalle benzo da più di un mese. (Consiglio di consultare un medico prima di prendere in considerazione l’interruzione di qualsiasi farmaco).

La crisi esterna mi ha dato la possibilità di reprimere quella interna. Così mi sono sigillato nel mio appartamento di Belgrado, da sola, in quella che è diventata una solitaria performance di resistenza fisica e psicologica stile Marina Abramović. La ricerca di stati estremi di coscienza che mi ha portato alla dipendenza di ansiolitici potrebbe essere la stessa molla in grado di farmene uscire.

Mi ha aiutato il fatto che le condizioni imposte dalla pandemia fossero ideali per il ritiro. Non c’erano tentazioni come cene o feste e, per i lavoratori non essenziali, niente pendolarismo e ufficio. Forse c’è anche un desiderio naturale di gestire il gestibile in mezzo a tanto disordine: non a caso gli Stati Uniti ratificarono il 18° emendamento che imponeva il divieto di alcol nel gennaio 1919, immediatamente dopo l’ondata più mortale della spagnola del 1918.

L’astinenza da benzo è stata descritta come un’esperienza che può causare stress post-traumatico. I sintomi di astinenza possono durare mesi o addirittura anni. A settembre, mentre tutti erano concentrati sui vaccini anti-covid, la Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha annunciato che avrebbe richiesto che il famigerato “riquadro nero” delle avvertenze fosse aggiunto alle benzodiazepine, per avvisare che l’astinenza potrebbe essere letale.

Dopo un mese di sospensione graduale, sono riuscita a superare la fase potenzialmente pericolosa. I miei sintomi ora vanno e vengono e includono acufeni assordanti, emicranie di 72 ore e panico. Questa tendenza dei sintomi ad andare e venire, aumentando e diminuendo di gravità, è nota come windows and waves [finestre e onde]. L’unica costante che provo sono i problemi cognitivi, soprattutto legati alla mia memoria dei momenti migliori dell’ultimo decennio. Ma ogni giorno recupero un po ‘del mio desiderio di scrivere, vedere e sperimentare cose nuove, e forse c’è davvero poco che nessuno di noi possa fare per i nostri anni perduti, tranne salvare il salvabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.