La comunità cinese in Spagna si auto-isola: “Gli spagnoli non capiscono quanto sia pericoloso il coronavirus”

Los chinos se encierran: “Los españoles no entienden el virus y nos dan miedo”
(El Confidencial, 11 marzo 2020)

La comunità cinese è scandalizzata dalla gestione della crisi del coronavirus da parte del governo spagnolo e dalla tranquillità della maggior parte della popolazione

“I cinesi che vivono a Madrid hanno paura degli spagnoli, ecco perché stanno chiudendo quasi tutti i negozi”, dice Dawei, un commerciante nel quartiere Usera di Madrid, la China Town spagnola. “Un mese fa avevano paura dei cinesi che andavano nei loro ristoranti dopo il ritorno dalle vacanze di Capodanno, adesso non vogliono vedere spagnoli. Quindi si sono rinchiusi di nuovo in casa. Ci sono persone della mia città che sono state in Spagna per 30-40 anni ma non hanno mai chiuso il ristorante. Ora invece chiudono”, continua il commerciante.

La comunità cinese, per dirla chiaramente, è scandalizzata dalla gestione della crisi del coronavirus del governo spagnolo e dalla tranquillità con cui la maggior parte della popolazione prende la situazione. Non capiscono come milioni di persone nella capitale si spostino da una parte all’altra indifferentemente, in metropolitana e in autobus, senza guanti o maschere.

“In Spagna accadrà ciò che accade in Italia, ma fino al collasso del sistema sanitario la gente continuerà a pensare che non stia succedendo nulla. E succede, e i cinesi l’hanno vissuto sulla loro pelle, in famiglia, tra i loro amici. E così stanno chiudendo, per prevenire. Qualcosa che la Spagna sta facendo tardi”, si lamenta Lei, una imprenditrice cinese. A suo avviso, le autorità spagnole non hanno più raccomandato l’uso di maschere per un motivo che nascondono: perché non ce ne sono abbastanza sul mercato per l’intera popolazione. “Molte di esse sono stati accumulati dalla Cina mesi fa”, afferma.

La comunità cinese conferma che i gruppi Wechat, l’equivalente di WhatsApp per i cinesi, sono stracolmi di critiche al governo Sánchez. “Noi cinesi siamo informati da Wechat e da siti web cinesi. E lì si dice che la Spagna è un paese molto colpito e che Madrid è piena di persone infette. C’è molto panico. Per molto tempo hanno smesso di prendere la metropolitana, ad esempio “, afferma Dawei.

La maggior parte degli oltre 200.000 cinesi che vivono in Spagna sono informati dai media nel loro paese, che hanno riferito per mesi sulla gravità della minaccia per la salute e, nelle ultime settimane, sulla fermezza con cui il loro governo ha combattuto la crisi, di contro alla mancanza di decisione e coraggio dei governi e delle società europee. “Anche se siamo fisicamente qui, abbiamo sempre un piede lì”, spiega il proprietario di un ristorante che ha deciso di chiudere “per paura del virus”. “Gli spagnoli non comprendono la malattia e ne abbiamo paura.”

Il “Global Times” approfondisce la controversia con un articolo in cui descrive la reazione del governo Sánchez come “tardiva”: il quotidiano, espressione del Partito comunista cinese, dipinge la Spagna a tinte fosche poiché ha iniziato a prendere misure di prevenzione e controllo una volta che il numero di infezioni è aumentato di dieci volte in pochi giorni ed esprime il dilemma di alcuni residenti cinesi tra il rimanere in Spagna o tornare per un po’ al proprio Paese.

In questa pandemia globale, i cinesi stanno anticipando le misure che il resto del mondo adotterà. E non solo in Cina, anche in Spagna. Prima hanno chiuso i battenti per quindici giorni per sottoporsi a una quarantena volontaria, e ora sono andati nei supermercati asiatici per fare scorte, quando a Madrid nessuno ha immaginato l’isteria in corso da lunedì. Le voci diffuse tra la popolazione spagnola dicono che l’ambasciata cinese li ha costretti a chiudere. “Questa è una sciocchezza. Nessuno ci ha costretti. Abbiamo chiuso perché eravamo spaventati”, dicono.

“I cinesi hanno svuotato i supermercati più di una settimana prima che gli spagnoli ci pensassero”, afferma Dawei con un certo sarcasmo. “La differenza”, secondo l’imprenditrice, “è che i cinesi si sono organizzati prima. Dato che Madrid era a circa 160-170 contagiati, hanno iniziato a essere allarmati, mentre gli spagnoli hanno atteso fino a 1.000. La differenza è di pochi giorni, ma può essere cruciale. Lo sapremo tra 14 giorni ”.

Per strada, la serrata generale della comunità cinese non è totale, ma quasi. Molti negozi e ristoranti hanno semplicemente le porte chiuse. Altri avvertono con un cartello: “In vacanza per un mese”. È raro che un cittadino cinese si prenda una vacanza di un mese, ma lo fa per paura dei propri clienti e per senso di responsabilità. I pochi che rimangono aperti si nascondono dietro una grande plastica trasparente sul bancone e coperti da maschere. “Chiudo la prossima settimana”, spiega un venditore cinese nel quartiere di Tetuán.

Sembra che la Cina emergerà più forte da questa crisi di coronavirus come uno dei paesi più responsabili e preparati ad affrontare una catastrofe sanitaria. E questo per alcuni cinesi come Dawei sembra ingiusto. “A Wuhan mancano i letti per molte persone e le autorità hanno costretto i malati a stare a casa con i loro parenti. Così molti sono morti, a casa, senza alcun medico per curarli e senza farmaci. Nessuno se ne accorge”.

Nell’area industriale di Cobo Calleja, il centro logistico della comunità cinese in Spagna, l’attività è paralizzata. I ristoranti, che di solito servono centinaia di pasti al giorno, sono praticamente vuoti. “Il governo cinese è forte, ma qui sono molto deboli e molte persone avranno problemi”, afferma il proprietario di una caffetteria nella zona. La maggior parte dei magazzini ha ancora merce, ma i clienti, sia spagnoli che cinesi, sono scarsi.

“Le persone non vengono perché hanno paura, ma il problema non è cinese, ora è spagnolo”, dice un uomo d’affari dello Zhejiang che è stato in Spagna per quindici anni. “Se guardi, tutti i cinesi qui indossano maschere, mentre gli spagnoli no”, insiste. Molti negozi di moda seguono la “via del coronavirus” in maniera quasi completa: il materiale viaggia dalla Cina alla Toscana (Italia), dove viene cucito e quindi inviato a Madrid. Passa attraverso tre focolai di contagio, sebbene i grossisti che mantengono ancora aperte le attività assicurino che tutto sia perfettamente igienizzato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.