La Cina ora insinua che il coronavirus proverrebbe dall’Italia

China suggests Italy may be the birthplace of COVID-19 pandemic
(New York Post, 20 novembre 2020)

La Cina sta utilizzando uno studio dell’Istituto Nazionale dei Tumori sulla diffusione precoce e occulta del coronavirus in Italia per mettere in dubbio la convinzione che la pandemia sia partita dalla nazione asiatica.

Il Covid-19 circolava in Italia già dall’estate 2019?

I funzionari di Pechino stanno propagandando questo nuovo studio italiano che stabilirebbe che il contagio si sia diffuso nel Bel Paese già a settembre, tre mesi prima che il nuovo coronavirus emergesse a Wuhan.

La Cina precedentemente ha provato a rintracciare il primo focolaio in Spagna, per poi accusare l’esercito americano di aver portato il virus a Wuhan nell’ottobre dello scorso anno durante le “olimpiadi” militari.

Portavoce Ministero Esteri cinese: il coronavirus è un’arma biologica americana

Ora però la carta italiana è quella più rilanciata dai media: “Questo dimostra ancora una volta che rintracciare la fonte del virus è una complessa questione scientifica che dovrebbe essere lasciata agli scienziati”, ha detto il portavoce del ministero degli Esteri cinese Lijian Zhao . “È una ricerca in progresso che potrebbe coinvolgere più paesi.”

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha ammesso che è possibile che il virus “circolasse silenziosamente altrove” prima di essere rilevato a Wuhan. Tuttavia, molti scienziati sono scettici sui risultati dello studio italiano e altri hanno osservato che comunque non escluderebbe un’origine cinese di questo coronavirus.

“Sappiamo che la Cina ha ritardato l’annuncio del suo focolaio, quindi non si sa quando è iniziato lì, e che Pechino intrattiene legami commerciali molto forti con il nord Italia”, ha dichiarato all’UK Times il dottor Giovanni Apolone dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.