La Regina in lilla incontra Papa Francesco

La Regina incontra Papa Francesco, con un cambiamento esteriore

(Queen meets Pope Francis, with another outward innovation, “Cranmer”, 4 aprile 2014)

Ogni volta che la Regina, ovvero il Governatore Supremo della Chiesa d’Inghilterra, visita il Vaticano e gentilmente concede un’udienza al Papa di Roma, il protocollo richiede che essa indossi un velo o un cappello e che, come tutti i sovrani non cattolici, vesta di nero, indipendentemente dal fatto che la visita sia ufficiale o privata. In questo modo l’eresia si manifesta attraverso l’abbigliamento.

Nel 2000, la regina vestiva di nero di fronte al bianco radioso di Giovanni Paolo II:

Lo stesso abbigliamento del 1980:

e del 1961, all’incontro con Giovanni XXIII:

e del 1951, con Pio XII:

Così la Regina Madre nel 1959:

E così Diana, Principessa del Galles, nel 1985:

Anche Margaret Thatcher vestì in nero quando incontrò Paolo VI nel 1977:

e quando incontrò Giovanni Paolo II nel 1980:

e quando incontrò Benedetto XVI nel 2009:

Ma il 3 aprile 2014 Papa Francesco non ha preteso tale abbigliamento dal Governatore Supremo della Chiesa d’Inghilterra:

Alcuni potrebbero considerare questo fatto del tutto irrilevante e privo di alcun significato. Invece un significato simbolico ce l’ha: il nuovo capo della Chiesa di Roma sembra provare più rispetto per lo statuto storico e teologico della Chiesa d’Inghilterra rispetto al suo predecessore. Infatti, a differenza dell’attuale Papa Emerito, Francesco sembra riconoscere a Sua Maestà il titolo di governatore di una “Chiesa sorella” e non semplicemente di una “comunità ecclesiale” (cioè una non-chiesa), al contrario di quanto il Cardinal Ratzinger affermava nel 2000 (Domini Iesus) e confermava come Benedetto XVI nel 2007:

«…Non si vede, d’altra parte, come a tali Comunità possa essere attribuito il titolo di “Chiesa”, dal momento che non accettano il concetto teologico di Chiesa in senso cattolico e mancano di elementi considerati essenziali dalla Chiesa cattolica.
Occorre, comunque, ricordare che dette Comunità, come tali, per i diversi elementi di santificazione e di verità in esse realmente presenti, hanno indubbiamente un carattere ecclesiale e un conseguente valore salvifico».

La Chiesa d’Inghilterra è sia Cattolica che Riformata. Sotto il pontificato di Francesco, si sta evidentemente aprendo una nuova era di ecumenismo; probabilmente attraverso un riconoscimento della validità degli ordini anglicani e di un vero episcopato nella successione apostolica. Forse, eventualmente, anche di una Eucarestia condivisa.

La Regina vestita di lilla e non di nero per molti non significherà nulla, ma chi è attento riconoscerà il lento ma costante sviluppo dei rapporti. La visita della Regina in Vaticano fa parte di una lunga serie di incontri tra sovrani inglesi e pontefici dopo la Riforma:

29 aprile 1903 – Re Edoardo VII incontra Leone XIII.
1918 – Edoardo, principe del Galles (poi Edoardo VIII e Duca di Windsor) incontra Benedetto XV.
1923 – Re Giorgio V e Mary di Teck incontrano Pio XI.
10 maggio 1949 – La Principessa Margaret incontra Pio XII.
13 aprile 1951 – La Principessa Elisabetta (oggi Regina) e il Duca di Edimburgo incontrano Pio XII.
23 aprile 1959 – La Regina Madre e la Principessa Margaret incontrano Giovanni XXIII.
5 maggio 1961 – La Regina incontra Papa Giovanni XXIII.
17 ottobre 1980 – La Regina incontra Giovanni Paolo II.
29 agosto 1985 – Il principe Carlo e Diana, Principessa del Galles, incontrano Giovanni Paolo II.
9 dicembre 1985 – Il principe e la principessa Michael di Kent incontrano Giovanni Paolo II.
10 aprile 1990 – Il Duca di Edimburgo incontra Giovanni Paolo II.
3 novembre 1994 – La duchessa di Kent incontra Giovanni Paolo II.
17 ottobre 2000 – La Regina e il Duca di Edimburgo incontrano Giovanni Paolo II.
27 aprile 2009 – Il principe Carlo e la Duchessa di Cornovaglia incontrano Papa Benedetto XVI.

Ci sono ancora un paio di ostacoli, apparentemente insormontabili, sul cammino verso l’unità dei cristiani. Ma che cosa sono i secoli per Dio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.