Regno Unito: estremista di destra va alla manifestazione pro-Israele… e gli ebrei lo cacciano via

Per le più importanti organizzazioni ebraiche britanniche il controverso attivista di estrema destra Tommy Robinson non è più il benvenuto agli eventi filo-israeliani a Londra.

Il Consiglio dei Deputati degli Ebrei Britannici, assieme alla Federazione Sionista e al Jewish Leadership Council, hanno infatti condannato la partecipazione di Robinson all’ultima manifestazione pro-Israele con una bandiera dello stato ebraico e un cartello della Federazione Sionista.

“Stephen Yaxley-Lennon (il vero nome di Tommy Robinson) e i sostenitori di organizzazioni estremiste come la English Defense League non sono i benvenuti agli eventi della nostra comunità”, ha dichiarato il Consiglio dei Deputati degli Ebrei Britannici, aggiungendo che “ogni messaggio di odio e divisione deve essere sconfitto”.

“Anche se un evento in uno spazio pubblico rende difficile controllare i presenti, i sostenitori dell’estremismo non devono mai essere i benvenuti alle nostre manifestazioni“, ha dichiarato la Federazione Sionista della Gran Bretagna e dell’Irlanda, mentre il Community Security Trust ha definito Robinson un “estremista” il cui sostegno alla comunità ebraica “non è gradito né utile”.

Anche il Jewish Leadership Council ha affermato su Twitter che Robinson non era “in alcun modo” stato invitato alla manifestazione “Non vogliamo il suo ‘sostegno’ e gli chiediamo di stare alla larga da manifestazioni future“.

Robinson, che ha co-fondato l’English Defense League (EDL) nel 2009, è stato ripreso domenica alla manifestazione pro-Israele a Kensington, avvolto con una bandiera israeliana e con in mano un cartello della Federazione Sionista che diceva “Liberate Gaza da Hamas”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.