Sono a corto di meme, scusate

Stanno chiudendo i siti e le pagine da cui mi rifornisco di meme. Io non riesco più a farne come prima perché adesso sto sperimentando l’intelligenza artificiale: questo per esempio il mio profilo su NightCafé. Iscrivetevi anche voi, talvolta esce fuori qualcosa di notevole:

(Benito Mussolini celebrating the March on Rome)

Veniamo a Kanye West (forse dovrei iscrivermi a Parler?). Un giornalista di Fox News (rete mainstream conservatrice americana), discutendo delle affermazioni antisemite dell’artista, sostiene che si dovrebbe comunque parlare della sovrarappresentazione ebraica in certi settori: “Nessuna giustificazione per i suoi commenti. Ma penso che rappresentino la necessità, nel nostro dibattito sull’antisemitismo, di affrontare la reale sovrarappresentazione demografica degli ebrei in determinati settori, banche, spettacolo ecc. È un argomento complesso, ma non vogliamo nemmeno affrontarlo”.

L’associazione contro l’antisemitismo Anti-Defamation League ha lanciato una campagna di boicottaggio contro West rivolta alla Adidas (uno degli sponsor del cantante):

“Ye, precedentemente noto come Kanye West, in televisione e sui social media ha sostenuto ripugnanti teorie del complotto, questa volta sul popolo ebraico. Egli condivide gli stereotipi antisemiti sul controllo dei media da parte degli ebrei. Queste dichiarazioni offensive sono basate su miti riguardanti l’avidità ebraica e il controllo dell’industria dello spettacolo. Il più grande sponsor del signor West, la Adidas, non solo è rimasto in silenzio, ma anzi ha rafforzato i rapporti pianificando la messa sul mercato di nuovi prodotti ispirati a Kanye nel quarto anniversario della strage alla sinagoga di Pittsburgh il 27 ottobre.
In un momento di crescente antisemitismo, quando gli attacchi negli Stati Uniti hanno raggiunto il massimo storico nel 2021, il comportamento di Kanye è pericoloso. Mentre Adidas si è rifiutata di condannare l’antisemitismo di Kanye West, gruppi di odio come White Lives Matter e la Goyim Defense League stanno celebrando e propagandando i commenti di Ye per promuovere il loro estremismo.
Adidas permettendo a Kanye di continuare a vomitare retorica odiosa senza conseguenze, sta creando un pericoloso precedente: consentire agli influencer di essere antisemiti. Le aziende devono agire per proteggersi dalla diffusione dell’odio. Unitevi all’ADL per chiedere alla Adidas di condannare l’antisemitismo di Kanye e rivedere la sua collaborazione con lui”.

Vabbè, questi non sono propriamente meme. Vediamo se ho qualcosa sul desktop:

(rubato a /pol/)

Meloni e il fattore d-parola?

Questo che segue sembra americano ma in realtà è una foto scattata da me in un negozio di stracci in forma di vestiti (non penso però l’effetto ho pig fosse voluto):

Veniamo allora alle foto:

Sacchetto per il pane con frase di Cesare Pavese:

La guida definitiva al rimorchio (disponibile su Amazon nella nuova edizione):

Il mio libro comincia a essere citato nelle bibliografie, lol

Stalinista da sempre (comunque anche la moglie di Lenin era contraria all’aborto):

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Istituto Liberale (@istituto_liberale)

Per non dimenticare:

6 commenti su “Sono a corto di meme, scusate

    1. Sì, è molto più attiva nella “vita reale” (attraverso manifesti e vandalismo) che sui social, per questo probabilmente non l’avrai mai sentita nominare (in sostanza chi non vive negli Stati Uniti difficilmente potrebbe conoscerla). Vuoi fare la tessera?

  1. Buongiorno Mister Totalitarismo, ho appena acquisito due libri di quella bibliografia, uno perché fino a poco tempo fa era in inglese e il tuo perché non sapevo avessi pubblicato un libro (sto frequentando sempre meno internet e non ho più i social, porta pazienza).
    Posso però chiederti qual’è questo che si appoggia su una bibliografia così interessante?
    Grazie e buona giornata.

  2. Buon pomeriggio, ho acquistato in mattinata due dei libri in bibliografia il primo perché appena tradotto, il secondo (il tuo) perché non sapevo l avessi pubblicato.
    Ultimamente non frequento molto internet e mi sono emancipato dai social.
    Ti chiedo, se possibile che testo è quello che poggia su questa bibliografia?
    (Vedo anche porno di carta e gli anni del desiderio e del piombo)

  3. Ciao Mister, da quanto tempo! Come va la vita? Dì un po’, sempre a proposito di meme oltre al tuo libro mi consiglieresti anche l’acquisto di “Interregno: Iconografie del XXI secolo” di Mattia Salvia? O è meglio lasciarlo perdere?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.