I dentisti sono chiusi e la gente si strappa i denti da sé

People are pulling their own teeth while dentists are on coronavirus lockdown
(New York Post, 21 aprile 2020)

Youtube, pinze e whisky: così qualche disperato sta cercando di curarsi i denti con una forma estrema di “odontoiatria fai-da-te”, poiché gli studi dentistici rimangono ancora chiusi a causa dell’allarme coronavirus.

L’American Dental Association ha raccomandato che i dentisti non aprano, se non per le procedure non di emergenza, fino al 30 aprile. Soprattutto con i dispositivi di protezione individuale in così scarsa disponibilità, rimanere chiusi è “nel migliore interesse dei nostri pazienti e dei colleghi”, afferma il Presidente ADA Chad P. Gehani.

Linee guida simili sono in atto anche in altri paesi. Ma ciò non ha impedito ad alcune persone di… strapparsi denti. Billy Taylor, 33 anni, ha usato un paio di pinze per togliersi un dente infetto dopo che gli era stato negato un appuntamento.

Il dolore era diventato “lancinante”. “La mia faccia era gonfia e avevo un’emicrania su quel lato”, dice. “La notte la situazione è precipitata, il gonfiore stava peggiorando”.

Quindi, armato di YouTube, un paio di pinze e un paio di bicchierini di whisky, si è messo al lavoro. Con lui il figlio undicenne Leo, a tenerlo d’occhio nel caso fosse svenuto dal dolore.

Diciamo solo che l’operazione è stata un successo, ma “il processo è stato doloroso e sanguinoso. È stato orribile”, dice Taylor. “Probabilmente non lo consiglierei, a meno che non si sappia cosa si sta facendo. Si rischia di frantumare tutto il dente”.

Situazioni come quelle di Taylor stanno diventando sempre più comuni poiché gli studi dentistici rimangono chiusi, secondo il presidente della British Dental Association Mick Armstrong: “È inevitabile che molti pazienti disperati ricorreranno al ‘fai-da-te’ finché il governo non prenderà provvedimenti rapidi”.

Il 16 marzo, l’American Dental Association ha raccomandato ai dentisti di posticipare le procedure dentali non urgenti fino al 30 aprile per aiutare a rallentare la diffusione del coronavirus. La chiusura dei servizi contribuirebbe anche a riservare la maggior parte dei dispositivi di protezione individuale per gli operatori sanitari in prima linea nella lotta contro il virus.

Tuttavia, l’ADA sostiene che è fondamentale consultare gli esperti; “Prima di iniziare qualsiasi trattamento dentale fai-da-te, è importante parlare col proprio dentista dei potenziali rischi e benefici”. In un’altra dichiarazione, l’associazione riconosce la necessità da parte dei dentisti di fornire cure di emergenza ai loro pazienti per evitare anche di sovraccaricare i pronto soccorso. E con il 30 aprile all’orizzonte, hanno fornito una guida per il tipo di equipaggiamento da indossare, inclusi occhiali, mascherine e visiere.

“Più le operazioni di cura preventiva sono rimandate, più è probabile che la malattia non trattata in tempo progredisca, aumentando la complessità dell’operazione, nonché i costi”, si legge in un comunicato dell’ADA. “La sicurezza dei pazienti e dei dentisti è e sarà sempre il nostro primo interesse”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.