La Svezia paradiso di sogni e di donne ardenti d’amore

Ah ma è la Svezia: una raccolta delle perle immigrazioniste dei media nel giorno della Festa Nazionale…
(Gog&Magog, 19 giugno 2019)

La sconfortante raccolta del giornalista Johan Hakelius con gli articoli usciti in occasione del 6 giugno.

Il 6 giugno è la festa nazionale della Svezia: un giornalista dell’Expressen ha raccolto le maggiori perle anti-nazionali uscite per l’occasione (come ogni anno) su TUTTI i giornali svedesi.

Sulla pagina culturale di Aftonbladet si poteva leggere il “classico” articolo secondo cui “nessuno svedese è veramente svedese”. I vichinghi erano, infatti, forse musulmani. La musica popolare? Di derivazione rom. E anche ai tedeschi piacciono le betulle. Il costume tradizionale svedese è un’invenzione ed è pure brutto. La Giornata Nazionale non ha, insomma, alcun senso.

Per il Dagens Nyheter, invece, con articolo in prima pagina, il nazionalismo è una “finzione pericolosa, distruttiva e non inclusiva”, intollerante e irrazionale. I liberali certamente capiscono il bisogno di appartenenza e sicurezza, ma ciò non deve essere portato in politica. Almeno non se è collegato alla nazione.

Sulla pagina culturale dello stesso Expressen, si descrive una campagna svedese desolata e spopolata, se non fosse per Muhammad, Dawit, Amir e altri con nomi simili. Loro sono il destino, oltre alle famiglie russe con bambini e i thailandesi. Il futuro è loro. Gli svedesi appartengono al passato.

Sul Göteborgs-Posten, Hynek Pallas ha recensito l’ultimo saggio di Timbrotänkaren Anders Johansson Heinö Vincere e morire. Lì, Heinö è preoccupato per l’incapacità del “universalismo liberale” di affrontare la “specificità nazionalista sicura di sé”. Secondo l’editorialista, si dovrebbe iniziare la giornata nazionale leggendo quel particolare testo.

Svenska Dagbladet ricorda che, “secondo un sondaggio”, gli immigrati dall’estero (“specialmente quelli da Somalia e Afghanistan”) celebrano la giornata nazionale più degli svedesi nativi. Il giornale non nasconde la sua soddisfazione.

Gina Gustavsson su Dagens Nyheter scrive che si può certamente essere liberali e nazionalisti. Ma aggiunge tutto ciò che il nazionalismo non deve essere. Non è che la nazione sia qualcosa di diverso. Non che sia una comunità di destino. Non una idealizzazione della storia. Non un abbellimento delle icone nazionali. Non c’è qualcosa in cui sentirsi orgogliosi. È concesso avere un’identità nazionale, per carità, ma deve essere tale da consentire di incorporare, a un ritmo sufficientemente veloce, chiunque arrivi in Svezia. Insomma non c’è nessun problema con l’immigrazione, l’unico problema può derivare dalla identità nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.