Ma quale “ricatto”: con i rifugiati Erdogan può salvare l’Europa!

Accogliamo anche noi l’appello umanitario lanciato da Gog&Magog: i 3 milioni e mezzo di rifugiati che Erdogan vorrebbe mandare in Europa sono un’occasione unica per rilanciare il Vecchio Continente (di nome e di fatto). Perché questo linguaggio razzista (“minaccia”, “ricatto”, “ripicca”, “ritorsione”) da parte della grande stampa? Come se una mossa del genere potesse danneggiarci, quando sappiamo benissimo che i migranti sono risorse sotto ogni punto di vista: si potrebbe dire che sono risorse umane!

Ma quale “ricatto”: con i rifugiati Erdogan può salvare l’Europa!

Pochi milioni di siriani giovani, istruiti e poliglotti non sono una “invasione” ma una opportunità per il Vecchio Continente (se la sapessimo cogliere).

“Vi mando i profughi” è diventata una minaccia: Persone usate come fossero un’arma. L’Europa sia grande e risoluta: se ci mandano i profughi apriamo le braccia, perché l’Odio si sconfigge con l’Amore!

Chi avesse letto le prime pagine dei giornali italiani di oggi sarà sicuramente rimasto sbalordito: la possibilità dell’arrivo in Europa dei rifugiati siriani, ora precariamente ospitati in Turchia, viene presentata da Repubblica come un “ricatto”, addirittura una “minaccia” per il Corriere. Ma è proprio così?

Qualcuno veramente può pensare che un’organizzazione come la UE, il mercato economico più grande al mondo e con quasi 500 milioni di abitanti, una delle massime potenze mondiali possa e debba essere spaventata dall’arrivo di qualche milione di nuovi cittadini, cioè in definitiva poche decine di migliaia di persone per ogni Stato membro? Per di più stiamo parlando di giovani, gente in gamba, che ha visto il mondo e sa come affrontare le difficoltà: è noto che i siriani sono fra i più istruiti e aperti della regione.

Fra loro ci sono scienziati, ingegneri, medici, che al contempo portano con sé nuove culture, nuove passioni, nuove professionalità (fra le varie denominazioni etniche e di culto che da sempre contraddistinguono la vivacità di quella regione).

Nessuno pensa che un continente in crisi demografica e di identità, vecchio e senescente, potrebbe trovare una nuova linfa vitale in questi nuovi europei, e che invece di chiuderci nel nostro egoismo e innalzare, ancora una volta, dei muri, dovremmo spalancare le nostre porte a questo gesto del Presidente turco, che inspiegabilmente rinuncia al tesoro che, senza meritarlo, si era ritrovato in casa?

Già sappiamo, infatti, che:

i migranti sono più sani di noi;

abbassano il tasso di criminalità;

hanno un effetto positivo sull’economia;

sostengono il nostro sistema pensionistico

hanno una istruzione superiore alla nostra;

inoltre, non c’è alcuna invasione.

 

…insomma non c’è un solo elemento che ci dovrebbe far temere alcunché, se non il razzismo nostro e delle istituzioni europee. Anzi, prendere tutti i migranti ora in Turchia toglierebbe una notevole arma politica a Erdogan, e ci farebbe risparmiare anche i soldi che Bruxelles ha deciso di dare ad Ankara perché faccia da campo profughi e trattenga queste risorse lontano da noi, inutilizzate e in difficoltà.

Di fronte a questa emergenza, un continente con la storia come la nostra non dovrebbe farsi cogliere da timori o paure xenofobe ma, semplicemente, dovrebbe attivarsi per accogliere al meglio il più grande numero di persone, chiedendosi sempre: e se fra questi futuri concittadini che ci rifiutavamo di accogliere ci fosse il nuovo Einstein?

PS: L’unico vero problema, casomai, è che forse due o tre milioni sono troppo pochi per innescare quei circoli virtuosi che potrebbero evitarci l’inevitabile declino; tuttavia, se opereremo al meglio per fare sentire a casa i nuovi arrivati, anche altri potranno decidere, da quei paesi, di spostarsi sin quassù e contribuire alla nostra salvezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.