Attivista LGBT svedese violentava migranti in cambio di permessi di soggiorno

Un ex attivista LGBT svedese è stato condannato per aver violentato quattro migranti. L’uomo, 56 anni, era un membro della più grande organizzazione LGBT svedese, la Riksförbundet för homosexuellas, bisexuellas, transpersoners och queeras rättigheter (RFSL), attraverso la quale avrebbe aiutato dei migranti a ottenere lo status di rifugiato sulla base del loro orientamento sessuale.

Nell’aprile 2020, è stato accusato di aver violentato quattro uomini e di molestato sessualmente due di loro. È stato dichiarato colpevole dal tribunale distrettuale di Stoccolma e condannato a quattro anni di carcere. Deve anche risarcire i danni alle vittime. Le violenze si sono verifiche tra il 2018 e il 2019.

“Le vittime si erano tutte rivolte al consulente per i migranti con la speranza di ottenere aiuto nelle loro procedure di asilo”, ha detto la corte in un comunicato. “Erano richiedenti asilo privi di documenti, in attesa di permesso o che lavoravano con un permesso di lavoro temporaneo”.

Il tribunale ha riconosciuto che i migranti si trovavano in una “situazione particolarmente vulnerabile” quando si sono rivolti al consulente omosessuale, che ha dunque abusato del suo potere. La polizia sta ora indagando su altre sei probabili vittime.

La RFSL ha accolto con favore la decisione e ha esortato le persone colpite a chiedere un risarcimento. “Nessuno dovrebbe sfruttare l’impegno della RFSL per abusare di persone in una posizione vulnerabile”, ha dichiarato l’organizzazione.

RFSL ha affermato che la sua filiale di Stoccolma ha immediatamente avviato un’indagine interna quando sono state avanzate le prime accuse di violenza sessuale contro il loro ex dipendente. L’organizzazione stessa ha tuttavia riconosciuto che l’indagine iniziale fosse “incompleta” e non avesse fornito prove sufficienti per agire.

“All’epoca le vittime si sono rifiutate di presentare una denuncia alla polizia perché, tra le altre cose, erano prive di documenti”, ha dichiarato la RFSL. Ma quando sono emerse altre accuse e le vittime erano pronte a sporgere denuncia alla polizia, il dipendente è stato licenziato. La federazione LGBT ha affermato di esser disposta a rivedere le linee guida per dipendenti, volontari e amministratori: “Tutte le operazioni devono essere sicure, in continua evoluzione e la qualità garantita attraverso un controllo sistematico”.

“RFSL è un’organizzazione costruita sui valori, per proteggere e sostenere le persone LGBTQI soggette a violenza, minacce e odio. Gli atti sessuali che causano danno o sofferenza a una persona non possono mai essere accettati”. Il gruppo LGBT ha riconosciuto di avere “un lavoro importante” da fare per riconquistare la fiducia della comunità e ha ribadito la condanna di “ogni forma di abuso”.

“La cosa più importante è che le vittime di questo abuso ora ottengano un risarcimento”, ha detto il presidente di RFSL Deidre Palacios. “RFSL ha molto lavoro da fare per assicurarsi che ciò non accada di nuovo”.

Fonte: Euronews

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.