Fentanil prima causa di morte per gli americani tra i 18 e i 45 anni

Secondo una ricerca dell’organizzazione Families Against Fentanyl, negli Stati Uniti l’abuso di fentanil è divenuta la principale causa di morte tra i 18 e i 45 anni, superando il suicidio e gli incidenti stradali.

Tra il 2020 e il 2021, 78.795 adulti in tale fascia di età sono infatti morti a causa dell’abuso di questa sostanza, e l’ultimo anno ha registrato un aumento dei decessi di quasi 4.500 rispetto all’anno precedente: “Le vittime del fentanil sono aumentate del 49,4% in soli 12 mesi, superando i 64 mila morti ad aprile 2021”, ha affermato l’organizzazione, chiedendo ai politici di cominciare a considerare il farmaco come una vera e propria “arma di distruzione di massa”.

Gli Stati Uniti hanno appena sanzionato quattro compagnie farmaceutiche cinesi dopo averle accusate di contrabbandare fentanil nel Paese. Pechino ha denunciato la decisione “errata” e ha incoraggiato il governo degli Stati Uniti a “cercare le cause dell’abuso di fentanil nei propri confini”.

I decessi per overdose, in particolare quelli causati da oppioidi, sono da anni in aumenti oltreoceano anche a causa dell’eccessiva prescrizione di antidolorifici a base di oppioidi.  Per sapere di più sulla cosiddetta “epidemia da oppioidi”, rimandiamo a un’inchiesta di Esquire sulle vicende della famiglia Sackler, che è diventata miliardaria creando un’emergenza sanitaria nazionale negli USA attraverso la propaganda e la corruzione.

I Sackler, la famiglia divenuta miliardaria grazie all’epidemia da oppioidi negli Stati Uniti

2 commenti su “Fentanil prima causa di morte per gli americani tra i 18 e i 45 anni

  1. questo sito è di altissima qualità e mi sembra sminuito dalla piattaforma su cui risiede. Potresti fare un pensierino a trasferirti su WordPress.com? Si è creata una piccola combriccola di dissidenti, cui mi sono aggregato, piuttosto appassionata ed attiva… ne avresti sicuramente maggior gratificazione nel vederti riconosciuto l’impegno che qui noto ed apprezzo

    Un saluto

  2. Curioso che l’Occidente ateo e materialista che cancella ogni morale superiore in nome della felicità individuale sia una società dove per rimanere produttivo e funzionale l’uomo medio debba ricorrere alla chimica per non appendersi da qualche parte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.