Sapiosessualità: come le donne immaginano gli uomini intelligenti

«Non c’è idea più sciocca che credere di conquistare una donna offrendole lo spettacolo del proprio ingegno. L’ingegno non corrisponde in questo alla bellezza, per la semplice ragione che non provoca eccitamento sensuale; la bellezza si.
Tutt’al più si può conquistarla in questo modo, quando l’ingegno appaia un mezzo di acquistare potenza, ricchezza, considerazione – valori di cui per riflesso la donna, lasciatasi conquistare, godrebbe anche lei. Ma l’ingegno, come stupenda macchina che si muove disinteressatamente, lascia indifferente qualunque donna.
Verità che non dovresti dimenticare».
(Cesare Pavese, 31 agosto 1940)

Ultimamente si fa un gran parlare di sapiosessualità, ovvero la cosiddetta “attrazione sessuale per l’intelligenza”: per esperienza posso affermare che incontrare una donna attratta sessualmente dall’intelligenza è un evento talmente raro da risultare praticamente impossibile, a meno che non si vogliano interpretare come “attrazione” sentimenti quali l’ammirazione, la simpatia, o la stima.

Potrei evocare decine di aneddoti: ricordo per esempio quando ottenni una sorta di appuntamento con una di queste auto-proclamatesi “sapiosessuali” e riuscì nell’impresa di non farmi trovare impreparato su ogni argomento (perché se uno si convince che la sapiosessualità esista, è chiaro che inizia a pensare le interazioni tra uomo e donna come il fatidico “esame che non finisce mai”). Azzecca infatti i suoi gusti musicali (non che fosse difficile, ché alle donne tra i 20 e i 40 in genere piacciono gli Arctic Monkeys e poco altro) e le sue serie televisive preferite (cosa meno semplice, visto che l’unica appena sopportabile resta The Sopranos), dimostrando inoltre una discreta conoscenza riguardo ai principali film pseudo-femministi (quelli dove fanno interpretare Virginia Woolf a Nicole Kidman e Frida Kahlo a Salma Hayek). Al di là di qualche incursione in campo libresco (Allende, Zafón, Ballard) e sparute nozioni di filosofia e psicologia, l’acme della “sofisticatezza” si raggiunse quando la discussione cadde sul Rembrandthuis (e nemmeno su quello riuscì a cogliermi in fallo).

Dal punto di vista dell’arte della seduzione, della conversazione urbana e dei “quindici trucchi per farla innamorare”, l’incontro si rivelo quindi un successo, tanto che ottenni un altro “appuntamento”: fu proprio al secondo insperato rendez-vous che compresi, senza grandi sforzi, che la sapiosessuale mi vedeva solo come una piacevole compagnia pomeridiana. Ovviamente da quel momento in poi l’incontro divenne piuttosto sgradevole, soprattutto quando lei cominciò a rimproverarmi di avere poca autostima e di provare un certo compiacimento nel denigrare me stesso. Questa è del resto la ramanzina standard che puntualmente mi rifilano tutte, con lo scopo neanche troppo recondito di addossarmi persino la responsabilità di aver fallito (in modo da non dover neppure riconoscere di aver contribuito a fare scempio della mia autostima). Sì, insomma, la conclusione è che la sapiosessuale era “attratta” da me da tutti i punti di vista, tranne che da quello sessuale.

E allora siamo costretti a mandar giù la “pillola rossa” quotidiana: quando le dicono dicono di essere attratte sessualmente dagli uomini intelligenti, considerano implicito che l’uomo in questione sia attraente anche dal punto fisico. Una prova indiretta sono le immagini a corredo degli articoli dedicati alla “attrazione sessuale per l’intelligenza”: giovani modelli palestrati con gli occhiali o con un libro in mano (fonti: qui, qui e qui).

Non capita mai che l’uomo intelligente sia raffigurato con le sembianze, chessò, di un Theodor Adorno (che però si illudeva di piacere alle studentesse).

Dunque in conclusione non si può che condividere la “postilla pavesiana” di un lettore: «Il solo ingegno può andar bene sul breve periodo, dopo abbisogna di concretezza». Con una correzione però: l’ingegno non vale nemmeno sul breve periodo. Pretendetela con filosofia (non come Adorno, quindi).

7 commenti su “Sapiosessualità: come le donne immaginano gli uomini intelligenti

    1. Perché, ne ha già scritto uno? Dimmi che me lo compro al volo (anche se sull’argomento “corteggiamento” purtroppo sono intransigente e severissimo, manco fossi il Leopardi)

  1. Sì, quando se ne escono con ‘ste ramanzine non richieste sono davvero odiosi (ma soprattutto odiose). Ti prendono a calci e poi ti danno del vittimista.

    Del resto pretendere il contrario è un po’ come pretendere che un obeso sappia cosa significa soffrire la fame o che una donna sappia cosa significhi essere dotati di logica e coerenza

    1. A proposito della tua ultima frase, Cesare Pavese scriveva: “Quei filosofi che credono all’assoluto logico della verità, non hanno mai avuto a che discorrere a ferri corti con una donna”. Però a dirti la verità più passano gli anni e meno tendo a colpevolizzare le donne: sono gli uomini a metterle su un piedistallo e a credere che abbiano intenzioni e sentimenti più “puri”, o che siano più “disinteressate”. Il fatto che non riescano mai a “parlar chiaro” è anche dovuto al loro desiderio di conformarsi al piedistallo, a non riuscire mai a dire “Voglio che tu sia mio amico perché sei troppo brutto per avere una possibilità con me”. D’altronde non sono nemmeno sicuro che il genere maschile sia ancora pronto per questo tipo di verità, anche se sulla lunga distanza farebbe bene a tutti.

  2. “Sapiosessuale” in linguaggio femminile significa “lo voglio alto, figo, ricco e nerchiuto, ma mi vergogno di dire che mi va bene anche con la quinta alimentare, quindi dico che lo voglio pure intelligente”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.