Il Gran Muftì della Russia invita a pregare per la prosperità della nazione

(fonte)

Ufa (Baschiria), 1 settembre 2017, Interfax – “La comunità musulmana russa è pronta a contribuire ulteriormente agli sforzi per rafforzare la Russia insieme a rappresentanti di altre religioni”, ha affermato il Presidente del Consiglio Islamico e Gran Muftì della Russia, Talgat Tadzhuddin (nella foto con Putin), durante il sermone per la Festa del Sacricio (Eid al-Adha) alla moschea di Lala Tulpan a Ufa.

“Noi, mussulmani della Russia, continueremo a dare un degno contributo agli sforzi per mantenere la pace e rafforzare l’unità e la forza della nostra grande potenza insieme ai nostri concittadini ortodossi e ai seguaci delle religioni tradizionali nel nostro Paese”, ha detto Tajuddin.

Il Muftì ha invitato i fedeli a pregare per la pace, l’ordine e la prosperità della Russia e del mondo intero, “in questo santo giorno e in questa dolce ora”.

“Abbiamo una sola patria – una Grande Russia, sacra per tutti noi. Abbiamo bisogno di salvaguardare l’esperienza dei secoli, la saggezza delle generazioni, i comandamenti dei nostri antenati e il nostro grande retaggio di rispetto e comprensione reciproca, con un impegno incessante e pazienza, per il beneficio della pace e della prosperità della nostra patria protetta da Dio”, ha affermato ancora Tajuddin.

Egli ha inoltre plaudito alla “lenta ma costante rinascita spirituale e morale della società e la grande unità civile di tutti i russi di fronte alle gravissime sfide di oggi”.
“Al di là di ogni dubbio, questo è il risultato della politica e del lavoro instancabile del Presidente della Federazione Russa, dei suoi colleghi e di tutti coloro che la pensano alla sua stessa maniera”.

Infine, riconoscendo che lo sviluppo e la prosperità di uno stato dipendono in gran parte “dallo stato spirituale e morale della famiglia”, il Muftì ha auspicato un aumento dei tassi di natalità in Russia e ha ricordato che l’educazione spirituale e morale dei bambini, per il mantenimento della continuità tra generazioni, è “compito sacro dei genitori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.